• 15133 Fuori controllo ... ortografico!
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
Politica
giovedì 26 novembre 2020.
Il Consiglio federale garantisca i diritti politici: si sospendano i termini per il referendum!

La Gioventù Comunista, impegnata da diverse settimane nella raccolta firme contro la nuova legge federale sul CO2, è seriamente preoccupata per le garanzie a tutela dei diritti democratici, messi in pericolo dall’attuale situazione epidemiologica e dalle misure sanitarie stabilite dalle autorità. Questa ultime pongono infatti vari limiti alla raccolta firme contro questa riforma che, lo ricordiamo, presenta numerose misure antisociali e di dubbia efficacia sul piano ambientale (quali l’aumento del prezzo della benzina e dell’olio da riscaldamento), le cui conseguenze toccheranno da vicino le classi popolari e i lavoratori: è dunque necessario garantire loro il diritto di esprimersi!

Il limite degli assembramenti a 5 persone stabilito dal Consiglio di Stato limita seriamente la possibilità di condurre regolarmente la raccolta firme, durante la quale può avvenire che si formino dei capannelli di persone interessate a discutere del tema. Non da meno, continuare a presentarci in piazza ed entrare in contatto con svariate persone lungo l’arco della giornata espone i nostri militanti e i nostri interlocutori ad un accresciuto rischio di contagio. Mantenendo le attuali disposizioni, si rischia di creare una situazione paradossale, per la quale i cittadini e i militanti di una qualunque formazione politica devono scegliere tra la propria salute e quella dei propri cari e l’esercizio dei propri diritti politici: una scelta che nessuno dovrebbe essere chiamato a compiere!

La pandemia e le misure sanitarie stabilite per rispondervi non possono costituire un limite ai diritti democratici (già lesi con il rinvio delle elezioni comunali dello scorso aprile): all’eccezionale impossibilità di raccogliere le firme deve corrispondere un’eccezionale risposta da parte delle autorità federali! Per questa ragione, la Gioventù Comunista richiede al Consiglio federale di sospendere il termine per il referendum contro la legge federale sul CO2 (previsto per il 14 gennaio), dando così ai cittadini il modo di esprimere il proprio parere su questa importante riforma e garantendo i diritti politici di tutta la popolazione ora duramente toccata dalla seconda ondata pandemica.

top

Non pretendere di avere più ragione dei tuoi genitori!

Solone

 
Sponsors