• 15804 Come le foglie in autunno!
Varie
giovedì 10 dicembre 2020.
Prix Montagne 2020 targato GR - vince communicaziun.ch

(ats) La ditta "communicaziun.ch" si è aggiudicata il "Prix Montagne 2020", mentre il premio del pubblico va alla "Tessanda Val Müstair". La consegna dei riconoscimenti si è tenuta oggi a Berna alla presenza del Consigliere federale Guy Parmelin.

communicaziun.ch, con sede a Ilanz (GR) e a Coira, guidata da Armon Spescha, dà lavoro a una sessantina di collaboratori nel settore della comunicazione. Scelta fra 42 candidati, la società grigionese si aggiudica il Prix Montagne 2020 dotato di 40’000 franchi.

Spescha dedica il premio al suo team: "I miei collaboratori sono stati incredibili negli ultimi anni. Grazie alle loro prestazioni sono riusciti a mantenere la nostra azienda sulla via del successo. Questo riconoscimento va soprattutto a loro".

Il presidente della giuria Bernhard Russi è entusiasta del progetto vincitore: "Un datore di lavoro come communicaziun.ch vale oro in una regione periferica, soprattutto per i giovani che vogliono realizzarsi in un ambiente di lavoro moderno".

La Tessanda Val Müstair ha vinto il premio del pubblico Prix Montagne 2020. Il laboratorio di tessitura a mano più grande della Svizzera è stato scelto dalla maggioranza dei 6500 partecipanti alla votazione online.

"La Tessanda Val Müstair promuove in maniera eccezionale la conservazione di un prezioso bene culturale e garantisce posti di lavoro per gli abitanti della valle", ha affermato Dorothea Strauss, a nome di Mobiliare Svizzera, lo sponsor del premio di 20’000 franchi.

Il Prix Montagne è stato creato dieci anni fa dal Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB) e dall’Aiuto svizzero alla montagna. In occasione del suo 10° anniversario il consigliere federale Guy Parmelin ha reso onore ai premiati: "Sono certo che anche i vincitori di quest’anno incoraggeranno molte persone nelle regioni di montagna ad intraprendere nuove vie e a tradurre in realtà le loro visioni".

top

“Assumersi la responsabilità della propria infelicità è l’inizio del cambiamento.”

OSHO

 
Sponsors