• 15387 Giornata mondiale del libro nel Moesano all’insegna di Dante
  • 15386 San Vittore sempre più verde!
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
Regionale
venerdì 1 gennaio 2021.
Colpo di coda del freddo al Sud

(ats) La notte del 30 dicembre è stata la più fredda dell’anno al sud delle Alpi e in Engadina. Il termometro è sceso fino a -11,2 gradi sul Piano di Magadino e addirittura fino a -24 a Samedan (GR), il valore più basso osservato in Svizzera nel 2020.

È quanto comunica Meteo Svizzera con un tweet, precisando che era da otto anni che sul Piano di Magadino la colonnina di mercurio non si avventurava a temperature tanto gelide. I 36,5 gradi toccati a Basilea sono invece stati il picco massimo raggiunto nel corso dell’anno che si avvia alla conclusione.

In una breve panoramica sul 2020, l’ufficio federale, ricorda che, in termini di precipitazioni, i maggiori quantitativi sono scesi in Valle Maggia (1500-2000 millimetri) i minori nel Vallese centrale (545). Il Ticino centrale e meridionale, così come le montagne nel sud del Vallese, sono state le zone più baciate dal sole (oltre 2300 ore), che invece ha evitato la Sernftal nel canton Glarona (1280).

Per quanto riguarda il vento, la raffica più potente è stata registrata alla stazione di misurazione del Gütsch, sopra Andermatt (UR), a quasi 200 chilometri orari. In pianura, Eolo si è fatto sentire in particolar modo nel canton Berna, più precisamente a Thun (122 km/h).

Nel complesso, come già segnalato da Meteo Svizzera una decina di giorni fa, il 2020 è stato un anno quasi caldo come quello da record del 2018. Un inverno da primato è stato seguito da una primavera mite e da un’estate con due ondate di calore, pur se moderate.

top

"Megghju aviri a chi fari cu centu briganti, ca cu nu stortu gnuranti."

È meglio aver a che fare con cento briganti piuttosto che con uno solo, ma stupido.

Proverbio calabrese

 
Sponsors