• 17240 Urca, che FISICO!
  • 17226 Un tè con Soroptimist Moesano
  • 17017 Fantasioso o maleducato?
Comunicati
venerdì 5 febbraio 2021.
Banca Cantonale Grigioni: non cambia prassi su interessi negativi

(ats) La Banca Cantonale Grigione (BCG) non prevede al momento di inasprire il suo regime di interessi negativi per i clienti privati. Lo ha detto oggi il presidente della direzione Daniel Fust, nella conferenza stampa annuale dell’istituto.

Ormai da tempo BCG ha tracciato a 3 milioni la soglia oltre la quale si pagano interessi e attualmente sono circa 200-300 i clienti chiamati a versare un tributo. La situazione viene comunque monitorata continuamente: se altre banche dovessero inasprire le regole e di conseguenza l’istituto retico dovesse ricevere più fondi si reagirà, ha indicato Fust.

Sul fronte dei crediti alle imprese nella seconda metà del 2020 la pandemia di Corona non ha comportato una maggiore necessità di rettifiche di valore, contrariamente a quanto si poteva temere a metà anno. Al contrario, è stato addirittura possibile sciogliere alcune delle riserve, perché la BCG è stata sollevata da alcuni impegni di credito, ha spiegato il Ceo.

Nell’esercizio chiuso in dicembre si sono sviluppati in modo molto buono gli afflussi di denaro. La banca ha attirato (al netto) 1,4 miliardi, molto più dell’anno precedente. Il principale motore è stato il contenimento dei consumi imposto dal confinamento, fattore che ha portato a un tasso di risparmio significativamente più alto, ha osservato Fust. A suo avviso si potrebbe parlare di "risparmio obbligatorio imposto dallo stato".

L’istituto cantonale retico pensa anche a espandersi: al di là della crescita organica nelle attività della gestione patrimoniale le acquisizioni rimangono un tema, ha affermato il presidente del consiglio di amministrazione Peter Fanconi. Rispondendo a una domanda il dirigente ha spiegato che le opportunità in questo campo vengono esaminate su base continua.

top

Ho perso un po’ la vista, molto l’udito. Alle conferenze non vedo le proiezioni e non sento bene. Ma penso più adesso di quando avevo vent’anni. Il corpo faccia quello che vuole. Io non sono il corpo: io sono la mente.

(Rita-Levi Montalcini)

 
Sponsors