• 15804 Come le foglie in autunno!
Cultura
mercoledì 24 marzo 2021.
Pasqua e pandemia, nulla da ricordare
di Teresio Bianchessi

Da tempo raccolgo i momenti più belli dell’anno: figli, nipoti, cerimonie, viaggi, paesaggi, che metto poi sul calendario settimanale da tavolo. Sino allo scorso anno la difficoltà era quale foto scartare tanti erano i ricordi gioiosi; per il 2021, invece, ho dovuto inventare sequenze fotografiche di lontani “amarcord” per non costruire un calendario che di continuo mettesse il dito nel dolore del 2020.




Già questo è triste, ma delusione ancor più cocente è l’aver dovuto affossare il pensiero che mi ero preparato la scorsa primavera, mentre sceglievo due foto significative della pandemia, che recitava così:
“Vi ricordate bambini che roba lo scorso anno…etc.”.
Magari gioendo dello scampato pericolo e confidando nella virtù taumaturgica del tempo abile a esiliare nell’oblio e in fretta le pene.
Dolorosissimo invece constatare che le stesse due foto potrei rimetterle di nuovo ora; brucia, brucia tremendamente pensare che ancora quest’anno sarà una Pasqua in solitudine, senza figli, senza nipoti. Ce la faremo?
Si, ce la faremo anche se le energie sono agli sgoccioli, ce la faremo perché ad aiutarci è arrivato il vaccino che ci dà fiducia e ci incoraggia a guardare il futuro che sembrava compromesso.
Dobbiamo solo continuare ad essere prudenti, metterci in coda pazientemente rispettando le priorità dei più fragili e comprendere che molto tempo dovrà ancora passare prima che tutto diventi qualche cosa da “ricordare”.
Intanto non perdiamo la tenerezza.

Buona Pasqua

top

“Assumersi la responsabilità della propria infelicità è l’inizio del cambiamento.”

OSHO

 
Sponsors