• 15626 Sporcaccioni equilibristi
Lettere dei lettori
lunedì 7 giugno 2021.
Il CSOA e la sinistra paghino per i danni causati!
di Alain Bühler

Il ritorno odierno in piazza degli autogestiti ha nuovamente lasciato più di un segno in Città, e non nel senso positivo del termine. Gli imbrattamenti e i vandalismi a danno della Città, di aziende, commercianti, ristoratori e cittadini luganesi sono innumerevoli. L’UDC Lugano condanna fermamente quanto accaduto per l’ennesima volta a causa di una manifestazione non autorizzata da parte del CSOA e denuncia la collusione della sinistra. Siamo dinanzi all’ennesima dimostrazione del fatto che questa autogestione rappresenta più un danno che un beneficio per la Città di Lugano e per questo motivo va allontanata.

È inutile che la cosiddetta "testa del corteo" cerchi di chiamarsi fuori, la responsabilità di quanto accaduto oggi è in capo a loro, in qualità di organizzatori della manifestazione. Come responsabili lo sono anche i vari sostenitori esterni alla manifestazione odierna. Primo fra tutti il Partito socialista che non solo ha sostenuto apertamente la manifestazione non autorizzata e invitato i cittadini a unirsi a questo corteo dell’inciviltà, ma durante il pomeriggio ha pure preteso le scuse del Municipio per bocca del suo co-presidente cantonale. Ora sono i luganesi a pretendere, non solo le scuse da parte degli autogestiti, del PS e degli altri partiti di sinistra che hanno promosso l’evento, ma che si facciano anche carico dei danni causati a cittadini e lavoratori onesti. Lo ricordiamo, si parla di vandalismi su strutture pubbliche e private, bus e veicoli verniciati e di vetrine imbrattate e danneggiate.

Questo è ciò che comporta questo tipo di autogestione, quella che non si ritiene in dovere di rispettare la legge che tutti i cittadini sono chiamati a ossequiare, l’ordine pubblico e la cittadinanza stessa, che deve subire inerme le angherie dei manifestanti.

Non possiamo parlare di misura colma, in quanto la misura, per l’UDC, è stata oltrepassata ormai da tempo. Ma ci si chiede per quanto ancora le Autorità vogliano concedere spazio pubblico a questo gruppo di teppisti. Non c’è più nulla da dialogare e non si deve in nessun caso concedere loro uno spazio alternativo all’interno del territorio comunale. Ecco perché è ora più importante che mai sostenere e firmare l’iniziativa popolare comunale "Adéss Basta!" - NO a un’autogestione al di sopra della Legge. Che siano i cittadini luganesi a decidere democraticamente le sorti di questa autogestione a Lugano e a porre fine a ciò che il Municipio e i partiti di centro-sinistra sembrano ancora intenzionati a tollerare in Città.

UDC Lugano

top

“Non perdere tempo a discutere con gli sciocchi e i chiacchieroni: la parola ce l’hanno tutti, il buonsenso solo pochi.”

CATONE IL CENSORE

 
Sponsors