• 15685 Ricicliamo la moda
  • 15626 Sporcaccioni equilibristi
Fuori regione
sabato 31 luglio 2021.
Due antiche faggete svizzere iscritte nella Lista del Patrimonio mondiale dell’UNESCO

Le antiche faggete delle Valli di Lodano, Busai e Soladino (TI) come pure quella di Bettlachstock (SO) sono state iscritte nella Lista del Patrimonio mondiale dell’UNESCO. La decisione è stata presa il 28 luglio 2021 dal Comitato del Patrimonio mondiale dell’UNESCO. Esse vanno ad aggiungersi ad altre antiche faggete primordiali europee che insieme costituiscono un bene del Patrimonio mondiale transnazionale ubicato in 18 Paesi. «Quest’iscrizione rappresenta il riconoscimento internazionale dell’impegno della Svizzera per salvaguardare la biodiversità e, in particolare, le riserve forestali», afferma Katrin Schneeberger, direttrice dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM).

Il faggio è la principale specie arborea dell’Europa centrale e si caratterizza per la sua capacità di adattamento alle diverse condizioni climatiche e geografiche. Tuttavia, l’intervento dell’uomo esercita una forte pressione sulle antiche faggete primordiali di cui non restano che poche vestigia. Per questo motivo, la Svizzera ha designato con il sostegno dei Cantoni, dei Comuni e dei proprietari di boschi due faggete da iscrivere nella Lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO (cfr. riquadro). Dopo una valutazione dettagliata e alcuni sopralluoghi, il 28 luglio 2021 il Comitato del patrimonio mondiale ha deciso di iscrivere le antiche faggete delle Valli di Lodano, Busai e Soladino (TI) e di Bettlachstock (SO) nella Lista del patrimonio mondiale.

Con alberi di oltre 170 anni d’età e una superficie complessiva superiore a 1000 ettari, le due riserve forestali svizzere costituiscono una preziosa riserva genetica, non solo per il faggio ma anche per molte specie animali e vegetali associate che dipendono da questi habitat. Accessibili al pubblico, queste riserve forestali naturali permettono di salvaguardare la biodiversità limitando gli interventi forestali. Le due riserve forestali svizzere, ora iscritte nella Lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO, fanno parte di un sito seriale transnazionale composto da 94 faggete ubicate in 18 Paesi. La salvaguardia e la gestione di questo patrimonio richiede la cooperazione e il coordinamento tra i diversi Paesi.

«Questa decisione mette in evidenza l’impegno assunto dalla Svizzera nel proteggere gli ecosistemi a livello mondiale e riconosce la qualità della sua politica a sostegno della biodiversità forestale», afferma Katrin Schneeberger, direttrice dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM).

La Lista del Patrimonio mondiale è uno strumento della Convenzione per la protezione del patrimonio mondiale culturale e naturale (Convenzione del Patrimonio mondiale). La lista comprende i beni cui il Comitato del Patrimonio mondiale riconosce un valore universale eccezionale. In Svizzera i siti che figurano nella Lista del Patrimonio mondiale sono 13, di cui 4 sono beni naturali: le antiche faggete dei Cantoni Ticino e Soletta, le Alpi svizzere Jungfrau-Aletsch, il Monte San Giorgio e l’Arena tettonica Sardona. Gli altri sono beni culturali. In collaborazione con i servizi competenti della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni, l’UFAM si occupa della protezione del valore universale eccezionale del Patrimonio mondiale e della sua tutela per le generazioni future.

top
Abbi il coraggio di vivere, anche se la vita è il viaggio più arduo.
Qualche volta ti colpirà duramente, ma devi lenire il dolore e andare avanti.
Dimentica il passato, perché potrebbe rubarti la gioia.
Usa la testa, ascolta gli altri, ma fai da solo le tue scelte.
E non smettere mai di dare qualcosa di te al tuo prossimo, anche quando ti sembrerà di non avere più niente da offrire.
Corri dei rischi, non risparmiarti.
Fai quello che ami e cogli l’occasione.
Questa è la tua storia, sta a te raccontarla.


Sergio Bambarén, L’eco del deserto 
Sponsors