• 13955 Alla salute!
Cultura
venerdì 18 febbraio 2011.
Consiglio della settimana
di Francesca Russomanno

Vincitore del premio Strega 2010

Canale Mussolini ci racconta la bonifica delle Paludi Pontine i cui argini sono scanditi da eucalipti che assorbono l’acqua prosciugando i campi.
Su questa terra nuova di zecca, bonificata dai progetti del Duce e punteggiata da città appena fondate, vengono fatte insediare circa 35000 persone ( 5000 famiglie) dal Veneto, Friuli ed Emilia Romagna.
Ci sono i Peruzzi, grande famiglia, partita perché convinta da zio Pericle che si porta dietro genitori, fratelli, sorelle e nuore.
E poi c’è la nonna, dolce ma inflessibile nello stabilire le regole di casa in cui i figli e tutti gli altri componenti della grande famiglia devono obbedire senza fiatare.
Il vanitoso Adelchi, più adatto a comandare che a lavorare, Iseo e Temistocle, Treves e Turati, fratelli legati da un affetto profondo fatto di poche parole e grandi gesti, promesse dette a voce strozzata sui campi di lavoro o nelle trincee. E una schiera di sorelle, alcune buone altre perfide e velenose.

E poi c’è Armida, moglie di Pericle, la nuora più generosa, allegra, capace di amare senza riserve e senza paure, amante delle sue api con cui dialoga di tutto e che, a modo loro, le rispondono.
Infine Paride, il nipote prediletto, buono e giusto, ma destinato come l’eroe di cui porta il nome, a essere causa della sfortuna che colpirà i Peruzzi.


Buona lettura!

Franca

top

La cosa più preziosa che puoi ricevere da chi ami è il suo tempo.
Non sono le parole, non sono i fiori, i regali. È il tempo.
Perché quello non torna indietro e quello che ha dato a te è solo tuo, non importa se è stata un’ora o una vita.

(David Grossman)

 
Sponsors