• 16928 Geronimo Stilton a Grono
  • 16876 A scanso di equivoci
  • 16858 Mata SWING a San Vittore
  • 16857 Dove sta ZAZAR?
Regionale
mercoledì 16 febbraio 2022.
Nessuna soluzione rapida per gli ingorghi sulla A13

(ats) Secondo il Consigliere di Stato grigionese Peter Peyer (PS) non ci sarà "una soluzione rapida" al problema del traffico che si forma nei villaggi adiacenti alla A13 durante gli ingorghi. "Il problema può essere risolto solo con l’intervento della Confederazione."

Da qualche anno a questa parte, il traffico fastidioso che si forma nei villaggi della Valle del Reno grigionese nei momenti di forte traffico sulla A13 è un argomento che preoccupa. Si verifica soprattutto nel tardo pomeriggio della domenica, a causa del traffico di rientro che, dalle aree sciistiche, si dirige verso Zurigo e San Gallo.

Vittime di queste vie di fuga sono i villaggi lungo la A13, da Thusis (GR) in Val Domigliasca fino a Sargans nel Canton San Gallo. Analogamente ne stanno soffrendo anche i paesi lungo la strada nazionale 28, nella bassa Prettigovia, e nella Signoria grigionese (Bündner Herrschaft). Il Comune di Zizers ha cominciato ad alzare la voce.

Oggi in Gran Consiglio, in rappresentanza di Zizers, Benjamin Hefti (UDC) si è rivolto ancora una volta al Governo retico chiedendo quali misure temporanee possono essere messe in atto, in tempi ragionevoli, per limitare il traffico causato da chi vuole evitare le code in autostrada e trova le vie di fuga lungo le strade comunali del villaggio.

Per il Cantone spetta alla Confederazione

Hefti non ha ricevuto una risposta positiva. La responsabilità per l’autostrada e per la strada nazionale spetta all’Ufficio federale delle strade (USTRA) e si estende anche oltre gli svincoli, ha detto il direttore del Dipartimento di giustizia e sicurezza Peyer (PS). In pratica non è possibile risolvere il problema senza il coinvolgimento di USTRA.

Zizers potrebbe limitare l’accesso al villaggio sulle strade comunali. "Ma queste misure selettive spostano semplicemente l’ingorgo o il traffico in un altro luogo", ha detto Peyer. "E così non si centrerebbe il bersaglio".

Secondo Peyer serve una soluzione regionale o sovraregionale. Per la fine di marzo è in agenda il prossimo incontro con l’USTRA. Vi parteciperanno i rappresentanti delle regioni colpite dal problema, la Polizia cantonale e l’Ufficio tecnico dei Grigioni.

Il gran consigliere Leonhard Kunz (PLD), del vicino circolo di Maienfeld, ha ricevuto una risposta simile. Voleva sapere quale fosse la posizione del Governo sull’idea di regolare le entrate e le uscite dell’autostrada allo scopo di ridurre al minimo il traffico parallelo attraverso i villaggi. Ciò in analogia di quanto praticato sull’asse del San Gottardo.

"Dal punto di vista della polizia, il blocco selettivo delle uscite è molto difficile", ha risposto Mario Cavigelli (Centro), capo del Dipartimento delle Infrastrutture, energia e mobilità. Il problema non può essere risolto con misure selettive e locali, bensì solo ad un livello superiore. Anche Cavigelli ha fatto riferimento alla riunione di fine marzo con un’ampia partecipazione di enti.

top

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.”

WINSTON CHURCHILL

 
Sponsors