• 16935 Tito Tettamanti e Alfonso Tuor Grono
  • 16928 Geronimo Stilton a Grono
  • 16876 A scanso di equivoci
  • 16858 Mata SWING a San Vittore
  • 16857 Dove sta ZAZAR?
Comunicati
sabato 19 febbraio 2022.
E-bike: dal 1° aprile 2022 luci anche di giorno

Dal 1° aprile 2022 tutte le biciclette elettriche in Svizzera dovranno circolare con dispositivi di illuminazione fissati al mezzo accesi anche di giorno. L’obbligo, vigente su tutte le aree di circolazione pubbliche, ha lo scopo di aumentare la visibilità e dunque la sicurezza dei conducenti di e-bike.

Dal 1° aprile 2022 entra in vigore l’obbligo di luci accese anche di giorno per tutte le bici elettriche. In base alle disposizioni vigenti, nelle ore diurne è sufficiente la luce anteriore; tuttavia l’Ufficio federale delle strade USTRA consiglia di accendere sempre sia quella anteriore che quella posteriore per essere più visibili.

I requisiti di equipaggiamento rimangono invariati: già oggi sulle e-bike devono essere presenti almeno due fanali a luce fissa, uno anteriore bianco e uno posteriore rosso, che per i modelli veloci devono essere omologati. Si considerano fissate al mezzo anche le luci rimovibili. Sono consentiti, ma non prescritti, appositi fari diurni.

Obbligo su tutti i tracciati pubblici
L’uso obbligatorio delle luci vige su tutte le aree di circolazione pubbliche, pertanto anche su strade campestri o tracciati da mountain-bike; i trasgressori sono sanzionati con una multa disciplinare di 20 franchi.

Tachimetro per e-bike veloci dal 1° aprile 2024
Dal 1° aprile 2024 le bici elettriche veloci potranno essere immatricolate solo se dotate di tachimetro, mentre per attrezzare quelle già in uso ci sarà tempo fino al 1° aprile 2027. A decorrere da tale data chi circolerà senza potrà incorrere in una multa disciplinare di 20 euro. Lo scopo è garantire il rispetto dei limiti di velocità soprattutto nelle zone 20 e 30. Per il superamento della velocità massima consentita è prevista una multa disciplinare di 30 franchi.

top

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.”

WINSTON CHURCHILL

 
Sponsors