• 17240 Urca, che FISICO!
  • 17226 Un tè con Soroptimist Moesano
  • 17017 Fantasioso o maleducato?
Politica
giovedì 7 aprile 2022.
Con Peter Peyer ai massimi livelli

Seguo la politica cantonale e federale da molti anni, ma una cosa simile non mi è mai successa: la politica grigionese è per mesi al centro dell’attenzione dei media svizzeri, e per notizie positive!

Nella gestione della pandemia il Grigioni si è rivelato un Cantone pioneristico: la strategia dei test a tappeto, inizialmente derisa, è diventata un modello per molti altri. La campagna di vaccinazione è stata organizzata in modo decentralizzato ed efficiente. Fatta eccezione di alcune critiche dell’UDC, decisamente fuori luogo, circa l’istaurazione di una presunta dittatura sanitaria, la strategia grigionese durante la pandemia è stata sempre soltanto oggetto di lode. I successi hanno sempre molti padri e madri, questa è ovvio. Ma una persona importante, forse la più importante, è stata senza dubbio il direttore del Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità Peter Peyer, che durante la crisi ha diretto il Cantone con lungimiranza. Senza mai mettere la propria persona in primo piano, Peyer ha lasciato spazio d’azione al medico cantonale e al capo dello stato maggiore di condotta. Sono perciò certo che insieme ai suoi collaboratori Peyer riuscirà a trovare soluzioni valide anche per i rifugiati che arriveranno nel nostro Cantone. Peter Peyer è un ottimo Consigliere di Stato e merita perciò una brillante rielezione nel nostro Governo.

Andrea Hämmerle, già Consigliere nazionale, Pratval/Domigliasca

top

La politica è come la medicina: il suo unico compito è la scelta dei mali. Ogni legge è infatti un male perché costituisce sempre una infrazione alla libertà ma, ripeto, la scienza politica non ha altro compito che quello della scelta dei mali.
Jeremy Bentham

 
Sponsors