• 16928 Geronimo Stilton a Grono
  • 16876 A scanso di equivoci
  • 16858 Mata SWING a San Vittore
  • 16857 Dove sta ZAZAR?
Politica
martedì 3 maggio 2022.
Perché ho deciso di ricandidarmi?
di Paolo Papa, Granconsigliere della Calanca

Qualche giorno fa ho incontrato un amico che, a conoscenza della mia ricandidatura come Granconsigliere per il circolo di Calanca, mi ha chiesto: “Ma chi te lo fa fare?” Non ho risposto sul momento, pensando però che la domanda fosse legittima. Provo a farlo ora, sapendo che interessa anche a altri.

Appartengo alla generazione che, contrariamente alle difficoltà dei giovani d’oggi di inserirsi nel mondo del lavoro, io non ha avuto grosse difficoltà a trovare un impiego. Mi considero per questo fortunato, anche perché mi sono occupato di attività che mi hanno appassionato e l’impiego stesso era tra i miei hobby preferiti; l’aviazione. In politica ho sempre partecipato attivamente e regolarmente alle discussioni. In Gran Consiglio ho fatto interventi su argomenti che riguardano l’italiano e su temi con ricadute finanziarie o conseguenze politiche per la nostra regione o per tutto il Grigionitaliano.
Da tre anni sono presidente della Deputazione grigionitaliana in Gran Consiglio, consesso che raggruppa i Granconsiglieri del Grigioni italiano di tutti i partiti. Abbiamo raggiunto buoni traguardi strategici per le minoranze di lingua italiana. Grazie agli interventi, assieme al presidente Maurizio Michel, come membri della Commissione di Politica e Strategia Statale, siamo riusciti a inserire nel programma del Governo 2021- 2025 degli incarichi che vanno a favore del sostegno per il trilinguismo, non dimenticando i posti decentralizzati dell’amministrazione cantonale.
A livello regionale sono presidente del Centro culturale Cascata e della Federazione distrettuale dei cacciatori, sono membro di Comitato nell’Ente Turistico Regionale del Moesano, sono nell’Associazione cantonale dei Cacciatori Grigionesi, faccio parte del Promovimento Prodotti Regionali del Moesano, del Comitato Festival Demenga. Sono molto impegnato nello sport del tiro e recentemente anche membro del Comitato di organizzazione del “Tiro Cantonale Grigioni 2024”. Questa manifestazione coinvolgerà attivamente le quattro società di tiro del Moesano e porterà nel Moesano ca. 1200-1500 persone sull’arco di tre fine settimana nel giugno 2024, con degl’introiti non indifferenti per tutta la Regione.
Ricandido perché voglio continuare a impegnarmi sulle tematiche che nella prossima legislazione sono di particolare interesse per le regioni periferiche, come la pianificazione del territorio, la sfida energetica e climatica, e il rinnovo dei canoni d’acqua, la decentralizzazione dei posti di lavoro e lo sviluppo economico delle nostre valli, la regolazione dei grandi predatori e come sempre la difesa dell’italiano.
Mi candido anche perché in questi anni ho compreso che in politica c’è bisogno di piccoli gesti, di umiltà e principalmente di dialogo. È importante sostenere l’italiano, ma sapersi esprimere in tedesco con i colleghi che purtroppo hanno poche conoscenze dell’italiano, rimane fondamentale per un Granconsigliere che voglia espletare seriamente il proprio mandato.

Cosa mi piacerebbe venisse realizzato in Calanca

Riuscire a far passare in Gran Consiglio delle proposte è molto più impegnativo e più complesso di quanto si possa credere, poiché si deve tenere in considerazione che queste dovrebbero rappresentare un interesse generale per tutto un Cantone o, almeno avere delle ricadute nelle diverse realtà regionali.
Il progetto di fusione dei Comuni della Calanca a corto/medio termine va sicuramente inizializzato. Qui mi aspetto da tutti i Municipi un senso di responsabilità, di coerenza e di reciproca comprensione e accettazione.
In questo progetto tutti i comuni dovranno cedere qualcosa, ma la Valle, se il progetto va in porto, ne trarrebbe un grande vantaggio.
In questo periodo dove l’interesse politico è rivolto ad altri argomenti, ritengo per esempio totalmente inopportuno e fuori luogo le argomentazioni e le dichiarazioni sulla stampa della scorsa settimana, dove per sviare le vere intenzioni, per salvare capre e cavoli su dichiarazioni avventate e sprovvedute, per un puro scopo partitico e per non perdere consensi nelle imminenti elezioni del Gran Consiglio, si fa di tutto per abbagliare i cittadini. Ma lasciamo perdere, sono sicuro che i cittadini della Calanca sono ancora in grado di discernere, ragionare e soppesare!
Per la Calanca sarebbe bello favorire il dialogo tra gli enti statali e gli imprenditori già presenti in valle al fine di poter migliorare la reciproca collaborazione e disponibilità. È di capitale importanza poter incrementare in valle dei progetti a favore del turismo e dell’agroturismo, che va di pari passo con il sostegno e l’istituzione del Parco Val Calanca, un progetto di successo che darà un’enorme visibilità, un segnale di lungimiranza e di imprenditorialità della valle Calanca. L’industria in generale ha ancora un buon margine di impieghi da sfruttare in Calanca: le cave, le imprese di costruzioni le varie professioni artigianali, la gastronomia e hotelleria e soprattutto l’escursionismo e il turismo lento legato alla natura, possono offrire egli ottimi posti di lavoro. Non è da dimenticare inoltre che, già oggi, dopo la pandemia, per alcuni impiegati è possibile lavorare da casa, almeno per qualche giorno alla settimana grazie al telelavoro.
Disporre della banda larga in Calanca sarà anche una sfida! Notiamo che sempre più ditte da fuori valle o fuori cantone eseguono commesse anche importanti in valle; perché non istaurare qualcosa nostro!

In che modo potrei rendermi utile per il Moesano

Negli ultimi anni ho toccato con mano i problemi delle persone ed ho operato mettendo come priorità l’ascolto, convinto che questo sia l’unica via per trovare delle soluzioni. Credo che questa debba essere la pratica quotidiana del vivere la comunità e che per farlo sia necessario che tutto il Moesano cambi passo.
Un passo veloce, obbligato dai mutamenti sociali, ritmato per far fronte alla crisi economica, ma calibrato per cogliere tutte le opportunità.
Un passo diverso rispetto a ciò che è stato, conscio del cammino fatto e pienamente consapevole del percorso da intraprendere. L’esperienza mi ha convinto che i Granconsiglieri devono stare vicino al cittadino, aprirsi al confronto e all’ascolto è fondamentale, anche quando questi non mostrano consenso o apprezzamento, perché solo così si può trovare il coraggio di scegliere, ma anche l’UMILTÀ di cambiare quando si capisce di aver sbagliato.
Assieme agli altri membri della Deputazione e con l’istaurarsi di un dialogo costruttivo con i sindaci con le Associazioni Arti e Mestieri e Commercianti del Grigionitaliano vorremmo contribuire nella collaborazione tra Comuni, Regione e Cantone far diventare anche il Moesano una regione vicina ai cittadini, che si prende cura di tutti, una regione in cui sia bello lavorare e vivere , in cui le giovani coppie possano formare una famiglia; un territorio nel quale per i bambini sia facile crescere e avere un’istruzione adeguata e per gli anziani sia piacevole invecchiare.
Con questo spirito e questa determinazione ho deciso di candidarmi e ringrazio di cuore i calanchini che vorranno sostenermi.

top

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.”

WINSTON CHURCHILL

 
Sponsors