• 17226 Un tè con Soroptimist Moesano
  • 17218 Presentazioni librarie - Appuntamenti
  • 17017 Fantasioso o maleducato?
Fuori regione
mercoledì 10 agosto 2022.
Grigioni: Inizio scuole 2022 – Fermatevi per gli scolari

Lunedì 15 agosto 2022: è arrivato di nuovo il momento. In diversi Comuni ricominciano le scuole. Migliaia di bambini affronteranno per la prima volta il percorso casa-scuola. La Polizia cantonale dei Grigioni rafforzerà la sua presenza nelle vicinanze di scuole e asili.

I bambini sono degli apprendisti nel traffico. Non conoscono ancora i pericoli, non sanno ancora valutare correttamente la velocità e le distanze e non hanno idea di quanto sia lungo lo spazio di arresto di un’auto. Non limitatevi a rallentare, ma fermate sempre il vostro veicolo quando un bambino vuole attraversare la strada. Perché i bambini imparano dalla Polizia a non attraversare la strada finché le ruote non si sono fermate. La Polizia cantonale dei Grigioni appoggia la campagna di prevenzione per dei percorsi casa-scuola "Fermatevi per gli scolari" della Associazione traffico e ambiente e dell’ufficio consulenza di Mobilità pedonale Svizzera.

Cinque consigli per rendere sicuro il percorso casa-scuola:

• Tenete uno stile di guida prudente e previdente, soprattutto sui quei tratti di strada frequentati dai bambini.
• Fermatevi completamente, se un bambino che ha la precedenza vuole attraversare la strada.
• Evitate segni con la mano, affinché il bambino possa concentrarsi sugli altri utenti della strada.
• Concedete il tempo necessario al bambino per attraversare in tutta sicurezza la strada.
• Ripartite solo quando il bambino ha attraversato la strada.

Maggiore presenza della Polizia all’inizio dell’anno scolastico

La Polizia cantonale dei Grigioni effettuerà più controlli della velocità e lungo i tragitti casa-scuola in diversi Comuni del Cantone. Parallelamente gli educatori stradali della Polizia cantonale dei Grigioni visiteranno gli asili e istruiranno i bambini su come attraversare la strada in tutta sicurezza.

top

Ho perso un po’ la vista, molto l’udito. Alle conferenze non vedo le proiezioni e non sento bene. Ma penso più adesso di quando avevo vent’anni. Il corpo faccia quello che vuole. Io non sono il corpo: io sono la mente.

(Rita-Levi Montalcini)

 
Sponsors