• 16876 A scanso di equivoci
  • 16858 Mata SWING a San Vittore
  • 16857 Dove sta ZAZAR?
Politica
giovedì 25 agosto 2022.
L’Alleanza del Centro Grigioni: Per un pensionamento stabile – ora e in futuro

Le delegate e i delegati dell’Alleanza del Centro Grigioni hanno adottato le indicazioni di voto per le proposte nazionali del 25 settembre 2022: un chiaro Sì all’AVS21 e al relativo aumento dell’imposta sul valore aggiunto e un No all’Iniziativa sul bestiame. Inoltre, il Comitato esecutivo del Partito vota a favore della riforma dell’imposta alla fonte.

In occasione dell’assemblea dei delegati di Coira, l’Alleanza del Centro Grigioni ha adottato le indicazioni di voto per le proposte nazionali del 25 settembre 2022.

Sí all’AVS21
«Questo è un anno decisivo per il nostro più importante sistema di assistenza sociale», afferma Sandra Baltermia-Guetg, presidente dell’Alleanza del Centro Donne Grigioni. Il Centro ha lavorato duramente per trovare una soluzione equa e sociale per stabilizzare l’AVS. Contro questa buona soluzione, i partiti di sinistra e i sindacati hanno promosso un referendum, che si è tenuto il 29 aprile 2022. "È incomprensibile e irresponsabile", afferma Sandra Baltermia-Guetg. Il Centro si oppone a questo referendum e si batte per un pensionamento stabile per tutti, ora e in futuro.

Le delegate e i delegati del Centro hanno votato all’unanimità si all’AVS21 e il relativo aumento dell’imposta sul valore aggiunto.

No all’Iniziativa sul bestiame
Dal punto di vista dell’iniziativa, per allevamento industriale si intendono "gli allevamenti su larga scala in cui il benessere degli animali viene sistematicamente violato", afferma il consigliere e agricoltore Gian Michael. Tuttavia, l’allevamento in Svizzera ha una struttura ridotta, si basa sulla legge piú severa al mondo in materia di benessere degli animali ed è sottoposto a un controllo completo. "In Svizzera non esiste una violazione sistematica del benessere degli animali", ne è convinto Gian Michael.

Lo standard Bio-Suisse richiesto dall’iniziativa esiste già oggi e può essere acquistato sul mercato. L’iniziativa comporterebbe maggiore perdita di libertà di scelta.

Le delegate e i delegati del Centro hanno all’unanimità respinto questa iniziativa all’assemblea dei delegati di Coira.

Sí alla Riforma dell’imposta alla fonte
Oggi la ritenuta alla fonte spinge i finanziamenti delle imprese all’estero. Di conseguenza, il gettito fiscale e le opportunità commerciali di milioni di euro vengono regalati all’estero. Il Consiglio federale e il Parlamento vogliono cambiare questa situazione. Per la raccolta di capitali (emissione di obbligazioni), le imprese svizzere dovrebbero beneficiare delle stesse condizioni applicate all’estero e non essere ulteriormente svantaggiate. In futuro, i redditi da interessi sulle obbligazioni nazionali dovrebbero quindi essere esenti dalla ritenuta alla fonte. Le obbligazioni estere e quelle delle grandi banche di importanza sistemica sono già esenti dall’imposta alla fonte.

La riforma riporta il gettito fiscale in Svizzera. Se le tasse non vengono più pagate in Lussemburgo ma in Svizzera, tutti i cittadini svizzeri ne beneficeranno. Allo stesso tempo, i cantoni, le città e i comuni beneficiano di finanziamenti più economici in patria. In questo modo si risparmia il denaro dei contribuenti. Ne rimane di piú per altri compiti a vantaggio di tutti.

Il comitato dell’Alleanza del Centro Grigioni raccomanda all’assemblea dei delegati l’approvazione della riforma dell’imposta alla fonte.

top

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.”

WINSTON CHURCHILL

 
Sponsors