• 17035 Biblioteca Comunale di Grono - Appuntamenti
  • 17017 Fantasioso o maleducato?
Fuori regione
domenica 23 ottobre 2022.
Due su tre premi per la tutela del clima Arge Alp conferiti ai Grigioni

La Comunità di lavoro Regioni alpine (Arge Alp) intende migliorare l’interconnessione nel settore della gestione transfrontaliera del lupo, promuovere congiuntamente una politica di protezione del clima per l’arco alpino orientata al futuro e potenziare la rappresentanza degli interessi della regione alpina. Questo è quanto è stato deciso durante la 53a Conferenza dei capi di Governo mediante tre risoluzioni. Nel corso della conferenza, Arge Alp ha inoltre conferito tre premi per la tutela del clima. Due progetti innovativi dai Grigioni hanno convinto la giuria internazionale.

La 53a Conferenza dei capi di Governo di Arge Alp tenutasi questa mattina a Innsbruck ha costituito l’apice e la conclusione dell’anno di presidenza del Land del Tirolo. Il Governatore Günther Platter ha passato il testimone al Cantone di San Gallo, a cui spetterà ora la presidenza. L’anno Arge Alp in corso ha naturalmente visto protagonista il 50° anniversario dell’organizzazione. Durante l’estate, l’eccezionale celebrazione dell’anniversario è iniziata con una grande festa nella città austriaca di Landeck.

I membri di Arge Alp hanno emanato tre risoluzioni
Adottando tre risoluzioni, alla Conferenza dei capi di Governo i 10 membri di Arge Alp hanno rafforzato la collaborazione transfrontaliera. Ad esempio, la comunità di lavoro intende migliorare il monitoraggio transfrontaliero dei grandi predatori, in particolare del lupo. Un continuo scambio di esperienze e di dati in relazione all’andamento della presenza di grandi predatori dovrebbe contribuire positivamente alla gestione del lupo nella regione alpina. Con una seconda risoluzione, i membri di Arge Alp hanno intensificato i loro sforzi comuni a favore del settore della tutela del clima. In tal senso, perseguono tra l’altro l’obiettivo comune di portare avanti la svolta energetica europea e di promuovere l’interconnessione di scienza, tecnologia, ricerca ed economia.

La terza dichiarazione d’intenti mira al potenziamento della rappresentanza degli interessi comuni. In questo modo richieste e interessi alpini coordinati, congiunti e specifici vengono introdotti con successo direttamente nel processo decisionale e di formazione delle opinioni nelle capitali e in Europa. In passato è così stato possibile ad esempio ancorare a livello europeo la forza idrica quale energia pulita e rinnovabile. La visibilità e l’efficacia della rappresentanza comune di interessi a Bruxelles dovrebbero essere ulteriormente potenziate in tal senso.

Premiati progetti grigionesi innovativi per la tutela del clima
Anche il premio Arge Alp 2022 figurava sull’ordine del giorno della 53a Conferenza dei capi di Governo. In occasione del suo anno di presidenza, il Land del Tirolo ha conferito il premio per la tutela del clima Arge Alp nelle categorie «grandi progetti», «start-up» e «grassroots». Complessivamente sono stati presentati 71 progetti. Dopo una valutazione preliminare da parte di una giuria regionale, i 24 progetti migliori sono stati sottoposti al giudizio di una giuria internazionale composta da esperti di tutte le regioni alpine per la valutazione finale.

È con grande soddisfazione che oggi il Cantone dei Grigioni ha ritirato due dei tre premi per la tutela del clima. Nella categoria «grandi progetti», il premio è stato conferito al progetto «myclimate Klimafonds Davos» promosso da Reto Branschi, direttore del turismo della destinazione Davos Klosters. La destinazione Davos Klosters dividerà il premio in denaro di 10 000 franchi con un altro grande progetto bavarese al quale la giuria ha attribuito lo stesso numero di punti. Con questo progetto, Davos punta a diventare la prima destinazione di vacanza clima-neutrale della Svizzera entro il 2030. A convincere la giuria ha contribuito soprattutto il fatto che il progetto non coinvolge solamente i fornitori di prestazioni turistici, bensì anche fornitori di prestazioni indiretti quali il settore del commercio e quello dell’artigianato. Il sostegno del Comune di Davos sottolinea l’approccio globale della strategia climatica della destinazione turistica Davos. Ulteriori informazioni relative al progetto sono disponibili sul sito web dell’organizzazione di destinazione.

Anche il progetto vincitore nella categoria «start-up» punta al
raggiungimento di un obiettivo comune. Con il loro progetto «e-cyclus – Mehr Recycling. Weniger Abfall.» Amin Casutt e i suoi partner intendono porre le basi per un’economia circolare completa e digitalizzata. Per il progetto, i vincitori ricevono un premio in denaro di 10 000 franchi. A convincere la giuria è stata soprattutto la presentazione concreta della gestione digitalizzata dello smaltimento dei rifiuti e del beneficio concreto che il progetto costituisce per tutte le persone coinvolte. «e-cyclus» non prevede solamente un’ottimizzazione del processo di riciclo, bensì in linea di principio la riduzione della produzione di rifiuti.


I capi di Governo della Comunità di lavoro delle Regioni alpine (Arge Alp): (da sinistra) Landeshauptmann Wilfried Haslauer (Salzburg), Regierungsrat Christian Rathgeb (Graubünden), Staatsministerin Melanie Huml (Bayern), Untersekretär Gabriele Barucco (Lombardei), Landeshauptmann Günther Platter, Regierungspräsident Marc Mächler (St.Gallen), Landeshauptmann Arno Kompatscher (Südtirol), Regierungspräsident Norman Gobbi (Tessin), Landeshauptmannstellvertreterin Giulia Zanotelli (Trentino), Landeshauptmann Markus Wallner (Vorarlberg)
© Land Tirol/Die Fotografen
top

Sogna ciò che ti va; vai dove vuoi; sii ciò che vuoi essere, perché hai solo una vita e una possibilità di fare le cose che vuoi fare.

(Paulo Coelho)

 
Sponsors