• 17035 Biblioteca Comunale di Grono - Appuntamenti
  • 17017 Fantasioso o maleducato?
Varie
domenica 30 ottobre 2022.
Treno passeggeri di due chilometri, record del mondo

(ats) La Ferrovia retica (FR) ce l’ha fatta. Ha stabilito uno spettacolare record del mondo, quello del treno passeggeri più lungo di sempre. Oggi sulla linea dell’Albula, nei Grigioni, una composizione è stata capace di estendersi per quasi due chilometri.

Il convoglio ha percorso i 25 chilometri tra Preda e Alvaneu sulla tratta di montagna inserita nel patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Il direttore della FR Renato Fasciati, ha parlato "di una giornata che non dimenticheremo tanto presto".

Il treno era composto da 25 unità multiple Capricorn, con 100 carrozze che insieme hanno raggiunto l’"interminabile" lunghezza di 1910 metri.

La corsa da primato ha portato il treno su un impegnativo percorso alpino. Durante i circa 45 minuti di discesa, il dislivello è ammontato a quasi 800 metri, sono stati attraversati ad esempio due tunnel elicoidali e il famoso viadotto Landwasser, un ponte in pietra mozzafiato sopra una gola.

La composizione da record, del peso di 3000 tonnellate, era guidata da sette macchinisti, mentre a bordo si trovavano anche 21 tecnici, oltre a 150 invitati. La Ferrovia retica ha inoltre allestito un’area adibita a festa a Bergün per altre 3000 persone, che hanno assistito all’evento via streaming.

L’occasione per il tentativo di record del mondo è il 175esimo anniversario delle ferrovie svizzere, che si festeggia nel 2022. Stando al direttore della FR Renato Fasciati, l’azienda ha voluto realizzare un’impresa pionieristica proprio per celebrare a dovere la ricorrenza.

L’evento ha avuto l’obiettivo di attirare l’attenzione sui Grigioni e su tutta la Svizzera, promuovendo il turismo. Ora che lo sforzo è andato a buon fine, la Ferrovia retica troverà spazio nel Guinness dei primati.

top

Sogna ciò che ti va; vai dove vuoi; sii ciò che vuoi essere, perché hai solo una vita e una possibilità di fare le cose che vuoi fare.

(Paulo Coelho)

 
Sponsors