• 15353 Mascherine fuori posto!
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
Pescati in rete
martedì 5 aprile 2011.
In Cina ai morti si regala un iPhone o un iPad

In Cina in occasione della festa di Qingmin si bruciano prodotti di lusso replicati in carta per onorare i morti e dare loro un modo di avere nell’aldilà quel che vorrebbero avere in vita. Quest’anno il top del top è l’iPad 2, quasi introvabile in versione simulacro quanto quella reale, seguito dall’iPhone 4. Un curioso caso di costume che dice molto della popolarità dei dispositivi Apple.

I morti sono come i vivi: vogliono iPhone e iPad, possibilmente iPad 2. Cosí, almeno, la pensano i cinesi che rispettando la tradizione celebrano la festa di Qingmin, una tradizionale ricorrenza del calendario lunare conosciuta anche come "festa degli spiriti" durante la quale vengono onorati i defunti, mandando loro denaro o beni di lusso per alleviare le pene nell’aldità. Per "spedire" i doni, da secoli i cinesi usano bruciare simulacri in carta dei regali acquistandoli a tonnellate (al punto da causare in alcune città vere e proprie cortine fumogene che aleggiano per le strade per giorni) da negozi specializzati che ogni anno adeguano la loro offerta, per rendela attuale e appetibile. Quest’anno, appunto, il top del top da regalare ai cari estinti sono gli iPhone 4 e gli iPad 2.

La richiesta di riproduzioni in carta dei dispositivi Apple è tale che alcuni rivenditori li hanno finiti. In Malesia, ad esempio, dove vivono milioni di cittadini cinesi che continuano a praticare il confucianesimo, è praticamente impossibile trovare l’iPad 2 in carta. «Ne ho ordinati in Cina 300 - dice Jeffrey Te, un commerciante di oggetti sacri intervistato da Reuters - ma sono letteralmente volati via dagli scaffali e ora posso solo offrire il primo modello». L’iPad originale (costo un dollaro) è in vendita nel negozio di Te accanto ad alcuni iPhone e ai Galaxy Tab; si tratta di repliche perfette, con tanto di scritte con i caratteri originali. Unica differenza sono la capacità, nei modelli in carta è di 888 GB e non per voglia di strafare, ma perché i tre numeri "8" sono di buon auspicio nella tradizione cinese, e nel marchio. In alcuni casi i finti iPad e iPhone hanno il logo reimmaginato, in altri casi la scritta è cambiata (ad esempio in iiPad) in altri casi sono prodotti non da Apple ma da "Ming Wang", in cinese: "Il re dei morti".

Chi non riesce ad acquistare un iPad e un iPhone punta su TV Panasonic, carte di credito, vestiti, biglietti aerei e persino automobili in carta. Molti cinesi pensano però che sia sbagliato offrire agli antenati oggetti della civiltà moderna, prodotti che non capirebbero e che non servono a nulla nella vita dei trapassati e per questo continuano a bruciare denaro, scarpe e vestiti, molto più utili e apprezzati dai morti.
 
Qui sotto il servizio filmato di Reuter su questo curioso caso di costume.


 

Tratto dal servizio di Fabrizio Frattini del 4.04.2011, disponibile al seguente link:

http://www.macitynet.it/iphonia/articolo/In-Cina-ai-morti-si-regala-un-iPhone-o-un-iPad/aA50518

top

"Megghju aviri a chi fari cu centu briganti, ca cu nu stortu gnuranti."

È meglio aver a che fare con cento briganti piuttosto che con uno solo, ma stupido.

Proverbio calabrese

 
Sponsors