• 16757 Sulle creste tra Grigioni e Ticino
  • 16507 Segnaletica ... incompleta!
Comunicati
venerdì 14 marzo 2014.
Telefonia mobile, finalmente più diritti per i consumatori

Prima vittoria dei consumatori nella lotta contro le condizioni generali abusive: Swisscom, Sunrise e Orange hanno dato seguito alle rivendicazioni dell’Alleanza dei consumatori (di cui l’ACSI fa parte) e della rivista Beobachter accettando di modificare le rispettive condizioni contrattuali in senso favorevole ai consumatori.

La pressione esercitata dall’Alleanza e sostenute dalla rivista svizzerotedesca Beobachter, ha dunque dato i frutti auspicati: i consumatori potranno finalmente beneficiare di un regime giuridico equilibrato in tema di telefonia mobile.

Il 22 gennaio scorso le organizzazioni svizzere dei consumatori e il Beobachter avevano inviato le loro esigenze alle tre principali compagnie telefoniche con la specifica richiesta di modificare una volta per tutte, entro il termine del 28 febbraio, le clausole più problematiche contenute nelle loro condizioni contrattuali di telefonia mobile; in caso contrario, si minacciava di intentare un’azione giudiziaria per violazione del nuovo articolo 8 della Legge sulla concorrenza sleale (LCD).

I rappresentanti dei consumatori invitavano le compagnie telefoniche anche ad avviare un dialogo costruttivo sul tema; un’opportunità che è stata colta e che consente oggi di poter presentare un risultato soddisfacente per i milioni di utenti della telefonia mobile.

Proprio in occasione dalla giornata mondiale dei diritti dei consumatori (15 marzo) che quest’anno ha come tema centrale fissato da Consumer International (CI) «Decidiamo noi i diritti in materia di telefonia!» l’ACSI e i partner dell’Alleanza sono particolarmente soddisfatti di presentare dei risultati significativi in questi settori della telefonia che negli ultimi anni sono stati oggetto di lamentele da parte dei consumatori :

• L’eliminazione del rinnovo automatico del contratto per un anno da parte di Orange e Sunrise (Swisscom l’ha già abbandonato nel 2011)
• La possibilità per l’utilizzatore di rompere il contratto senza spese a causa di una modifica unilaterale del contrattro su un punto essenziale (prezzo, portata/velocità, carenza di copertura della rete, fatturazione)
• Un migliore equilibrio tra la possibilità di rescindere per « giusti motivi» in favore dell’operatore e dell’utilizzatore
• Un utilizzo più appropriato del termine « illimitato », se non il suo abbandono per i nuovi prodotti.

La brevità del termine imposto dall’Alleanza alle compagnie telefoniche, comporta che alcune richieste sottoscritte entreranno in vigore successivamente. Tuttavia, gli operatori si sono fermamente impegnati ad attuarle. L’ACSI e i suoi partner vigileranno affinché le promesse siano mantenute.

Questo soddisfacente passo avanti non deve comunque nascondere il grande lavoro che resta da fare, in particolare in materia di prezzi delle comunicazioni, di roaming, delle spese, del rispetto della qualità e della velocità della rete, per citare i punti principali. A questo proposito, l’Alleanza dei consumatori pubblicherà a breve un libro bianco sulle principali lamentele degli utilizzatori.

top

Non importa se stai procedendo molto lentamente; ciò che importa è che tu non ti sia fermato.

Confucio

 
Sponsors