• 14757 Greenday 2020 – Festa della sostenibilità
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
  • 14617 Apphalthopolis
100 Anni fa
domenica 1 luglio 2007.
Luglio 1907

Sull’ebdomadario Il San Bernardino di sabato 6 luglio 1907 sono presentate le seguenti novità di cronaca locale, che riassumo.

Roveredo - L’allevamento del baco da seta è generalmente ultimato con soddisfazione dei bachicultori. Il raccolto dei bozzoli fu abbondante, sebbene il peso non corrispondesse al numero dei bozzoli. Il prezzo quest’anno si mantenne abbastanza elevato. Si pagarono i bozzoli dai fr. 4.40 ai 4.60 al chilogrammo. Specialmente nell’Ottocento l’allevamento del baco da seta, specialmente nella Bassa Mesolcina fu intenso e a Roveredo fu perfino creata intorno al 1830 una filanda della seta, cosa documentata negli archivi. Da tempo questa attività non esiste più e a sua testimonianza, in particolare a Roveredo, esistono ancora secolari alberi di gelso [morón].
Da alcune settimane abbiamo tempo indemoniato, continua a piovere, a soffiare vento ed anche a grandinare. I poveri agricoltori sono disperati, massima per la raccolta del fieno.
Sono annunciati i matrimoni di Geremia Raveglia con Martina Fibbioli e di Giulio Emilio Scalabrini con Marietta Valenti.
Grono - Il giovane concittadino Antonio Bordigoni è stato nominato telegrafista a Basilea.
I lavori della strada Castaneda-Santa Maria sono cominciati e proseguono alacremente. Sul luogo si trova una commissione cantonale di espropriazione, composta da cittadini liberali e conservatori, non avendo gli stimatori locali accontentati i proprietari dei fondi.
Cama - Nell’ultima quindicina di giugno si eseguirono importanti lavori di restauro al campanile della chiesa parrocchiale. La cupola fu totalmente rimessa a nuovo; i lavori da falegname furono eseguiti da Antonio Götty ed Enrico Belloli; la copertura in lamiera zincata, assai bene eseguita dai figli di Desiderio Albini di Roveredo. Il tutore della chiesa avrebbe voluto volontieri fatto abbellire maggiormente il campanile, ma l’assemblea comunale non accettò la proposta, essendo la spesa troppo ingente.
Lostallo - Il Consiglio federale ha nominato ufficiale postale e portalettere [buralista e postino] Giuseppe Tonolla, finora gestore provvisorio dell’ufficio suddetto.
Il liberale Giuseppe Tonolla, assieme all’ispettore Giovanni Schenardi era anche il redattore responsabile del settimanale concorrente La Rezia.
Mesocco - La sagra dei SS. Apostoli Pietro e Paolo, non riuscì animata in paese come ci si aspettava, a causa dell’imperversare del tempo. Invece le funzioni religiose si svolsero nella chiesa parrocchiale con grande concorso di popolo e un appropriato discorso tenuto da Don Vincenzo Renelli, professore al collegio Soave di Bellinzona.
È entrato in vigore un nuovo regolamento comunale d’igiene e polizia. Finalmente furono allontanati i letamai che in estate specialmente ammorbavano le contrade. Siccome “il nostro ameno paese è destinato a diventare un soggiorno di forestieri, è bene che lo si prepari colla pulizia e l’ordine”. Resta però molto ancora da fare: certi scoli di stalle, di lavatoi, di cucine, ecc.; strade ingombre di ciottoli, non dicono bene. Un po’ alla volta vi si rimedierà.
Buseno - L’impresa dello stradale e del ponte sospeso ha fatto ogni possibile per aggiungere al ponte di sasso una comoda passerella in legno e compirla per la festa patronale, usando l’impalcatura del ponte che dalla piena di San Giovanni venne asportata a metà.
La festa patronale di San Pietro, quantunque disturbata dal maltempo si svolse decorosamente con le sacre funzioni provvedute da un buon numero di sacerdoti. La predica la tenne il parroco di Cauco.
Rossa - Continuano i trasporti della grande corda metallica che deve servire alla conduttura del bel legname mercantile che ancora si trova al di dentro di Valbella in vicinanza degli alpi. Essa avrà parecchi chilometri di lunghezza.
Ormai il tempo delle flottazioni pericolose e gravose è passato.
Si nota però che lo stradale vallerano ancora con ponti di legno non è adatto per sopportare trasporti pesanti, come quelli del legname.
La settimana scorsa, trasportandosi un peso di circa 46 quintali di corda ferrea, un carro tirato da più coppie di cavalli, arrivato in vicinanza di Pisella, non potè procedere oltre. Le ruote s’internavano nel terreno molle per la pioggia.
Braggio - I lavori di Fesa sono terminati con la posa del filo metallico protettore delle pianticelle di larice. Presto in questo giardino, posto sotto la protezione della Confederazione, si pianteranno dei pini cembri che vuolsi allignino ancora a quest’altitudine superante il 2000 metri. Quello che rincresce sono i vari ettari di terreno sottratti alla pascolazione alpina.
Landarenca - Il tiro a premi per l’inaugurazione del nuovo stand di tiro ha potuto aver luogo. Vi parteciparono 27 tiratori. Il 1° premio lo ricevette il Landjäger [gendarme] Carlo Coraj, il 2° Ferdinando Bassi-Tognola di Cauco. Anche un buon numero di tiratori della Società Carabinieri di Arvigo onorarono la manifestazione con la loro bandiera.
Vi è poi un comunicato della Ferrovia Elettrica B.-M. con cui si dice che dal 1° luglio alla fermata di Molinazzo si è istituita la distribuzione dei biglietti e il servizio bagaglio e colli espresso. Questo servizio sarà effettuato dalla signora Minoletti al Ristorante Tre Valli, nei pressi della stazione.
Tra gli inserti pubblicitari uno che pubblicizza il “Sapone d’oro” della ditta Schuler: Avanti ! Avanti! Donnine care, Prendete il Sapon d’or senza aspettare, Risparmio di forza e di lavor, Vi darà sempre il Sapon d’or.


Questa la cronaca moesana pubblicata su Il San Bernardino di sabato 13 luglio 1907.
Roveredo - Il Consiglio scolastico ha nominato maestro comunale per l’anno scolastico 1907-1908 il signor A. Bianchi di Cama.
Mercoledì mattina si è data sepoltura, con bel concorso di popolo, ai resti mortali di Giovanna Bologna nata Tunesi, non ancora sessantenne. Visse ritiratissima, occupandosi solo della sua famiglia e dei lavori rurali.
L’11 luglio si è radunata la commissione del tribunale cantonale composta dal presidente Dr. Schmid e dai giudici Parli e Dosch, per un sopralluogo nella causa in appello dell’operaio Conti in odio alla ditta Suà e Paglia, per infortunio. La controversia verrà quindi sciolta solo quando si avrà sborsato un bel gruzzolo di marenghi.
Al Tiro federale di Zurigo si fecero onore i nostri concittadini Dr. Nicola, Fortunato Tenchio e Gian Pietro Campelli: quest’ultimo fece una serie di 96 sopra 100 punti.
San Vittore - È pubblicato il matrimonio di Rodolfo Viscardi, sotto-ispettore forestale, colla compitissima signorina Maria Stevenoni di Giuseppe.
Il 6 luglio, nella veneranda età di oltre ottant’anni, spirava nel bacio del Signore Giovanni Zoppi, il quale visse anni parecchi nel Belgio e poscia a Göschenen, dove suo figlio Edoardo è capostazione. Non seppe però mai dimenticare il suo villaggio natio ritornandovi più volte all’anno a rievocare le dolci memorie della sua spensierata fanciullezza.
Grono - Da alcuni giorni si trova in Valle il comandante di circondario Wetten, per la solita tassazione dei giovani esentuati dal servizio militare. A questo signore raccomandiamo un po’ di misericordia.
Sembra che il 20 corrente mese ci sarà l’inaugurazione ufficiale del secondo tronco della nostra ferrovia e che verrà tenuto un sontuoso banchetto al quale saranno invitati tutti gli altolocati della valli e di altri siti.
Si parla che pel giorno 25 la linea funzionerà regolarmente.
Entrerà in vigore il nuovo orario che prevede anche un direttissimo Bellinzona-Mesocco, senza alcuna fermata nelle altre stazioni. Commenta il cronista: Già, gli altri paesi della valle possono benissimo farne a meno di viaggiare col direttissimo, loro, servi della gleba.
Mesocco - Lunedì 8 luglio alle 5 ½ pomeridiane giungeva felicemente il primo motore elettrico [la prima locomotiva] alla stazione di Mesocco. Vi si trovava molta gente: gli ingegneri si dissero soddisfatti della prova.
San Bernardino - La direzione del Grand Hôtel Victoria di San Bernardino ha inoltrato domanda alla direzione delle poste per una terza corsa postale da San Bernardino a Mesocco e viceversa.
Ci si rallegra per l’istituzione del treno speciale diretto San Bernardino Express, il quale in coincidenza a Bellinzona col treno delle 7 da Milano permetterebbe ai viaggiatori di arrivare a San Bernardino nelle prime ore del pomeriggio.
Viene poi pubblicata la lista dei forestieri residenti in vacanza all’Hôtel Victoria: L. Maffioretti e signora, Italia, madame Dr. Berend, Germania, mademoiselle A. Berend, Germania, signori Krayer, Basilea, signori H. Hockenjos, Basilea, Avv. G. Scalini e signora, Italia, signorina A. Gianesi, Italia, signor Vitaliano di Capua, G. Vergeta, Italia, Dr. Michela, Italia, signori Rovelli Ranzi, Italia, signori van der Lacke, Belgio, signor Picplio, Germania, C. Schaield, Germania.
Braggio - I grandi rovesci di pioggia od altre cause climateriche hanno favorito certe malattie crittogamiche che osserviamo per la prima volta sui ciliegi. Sulle foglie appaiono delle macchie rossastre che distruggono il verde parenchima delle foglie che appaiono crivellate di buchi. Il frutto stesso appare colpito da piccole macchie nere. Probabilmente si tratta del Coryneum, specie di fungo che si propaga. Sarebbe necessario raccogliere e bruciare le foglie secche e alla primavera procedere ad innaffiare i germi colla poltiglia bordolese al 2 % di solfato di rame. Potrà far ciò una popolazione che non ha il tempo per altre cose principali ?
Il 6 luglio sul mezzogiorno si scatenò sulle montagne a Nord Ovest un breve ma furioso temporale con onde di grandine. Fortunatamente ce ne arrivarono solo alcuni rovesci misti alla pioggia. Pochi giorni prima un fulmine scortecciava un larice a pochi passi dall’alpe di Settola sul quale s’era appena caricato il bestiame.
Cauco - Pochi sono quest’anno quivi e altrove i falciatori valtellinesi e questi pochi si fanno preziosi. Vogliono aumento di paga e diminuzione di lavoro, oltre che ad essere spesati con cinque pasti al giorno e mantenuti gratuitamente alla festa. Non per nulla certi proprietari di Arvigo preferiscono lasciar da segare [falciare] i loro prati di montagna.
Rossa - Notizie sconfortanti ci giungono dagli alpi che ci circondano. Il freddo colla neve che discese in questo luglio più volte ad imbiancare i pascoli fecero soffrire molto il bestiame. Alpigiani e pastori ne sono afflitti e con loro i proprietari del bestiame.
È pure pubblicato un avviso di Asta pubblica da parte del comune di Roveredo per la vendita di 143 piante di abete, giacenti nel bosco di Rodàs, del volume complessivo di 75 metri cubi.
Roberto Martignoni di Roveredo, questa volta “Compera a buon prezzo mirtilli e ciliegie”.
Anche in questo numero c’è un articolo propagandistico firmato “Rossi” [gerente dell’Hôtel Victoria] col titolo solito di Pro Sanbernardino. I suoi precedenti appelli non ebbero il successo sperato poiché i maggiormente interessati [leggi: Mesocconi, autorità ed esercenti di Mesocco] hanno dimostrato indolenza tale da pretendere “che gli gnocchi caschino loro addosso senza muovere un dito !”. Egli vorrebbe inoltre istituire a San Bernardino una piccola orchestra con concerti giornalieri sul piazzale della fonte e negli Hôtels alla sera. Convocò tutti gli esercenti a San Bernardino, ma si ritrovarono solo lui e il proprietario dell’Hôtel Brocco, brillando gli altri per la loro assenza.


Il sabato 20 luglio 1907 il settimanale Il San Bernardino riportava la seguente cronaca locale che ho riassunto.

Dapprima si rende noto che al Seminario magistrale di Coira, subirono recentemente gli esami finali e ne ottennero la relativa patente di idoneità all’insegnamento i giovani Vittore Storni di San Vittore e Adriano Bertossa di Cauco.
Adriano Bertossa dovette poi ripiegare invece che nel campo dell’insegnamento , come tanti altri usciti maestri a Coira, ad altri lidi e, come del resto il sottoscritto, entrò nell’Amministrazione federale delle dogane. Per molti anni fu funzionario alla Direzione del III Circondario delle dogane a Coira. Ma soprattutto si interessò con grande cura e capacità alla storia della sua amata Valle di origine, la Calanca. Pubblicò parecchi studi e saggi, in italiano e in tedesco, tuttora validissimi dal profilo scientifico storico, come per esempio la Storia della Calanca, stampata nel 1937 dalla Tipografia Menghini di Poschiavo. Nella prima metà del Novecento furono parecchi i maestri moesani, con tanto di patente ottenuta alla Magistrale di Coira che, non potendo accedere a qualche posto di insegnamento in Valle, dovettero occuparsi altrove. Solo per dare qualche esempio di gente da me conosciuta personalmente, Osvaldo Santi di Soazza che entrò nelle dogane e fu Caposervizio a Chiasso, e Federico Tognola di Grono che pure entrò nelle dogane e fu Ispettore di Chiasso Strada.
Roveredo - Sul piazzale della stazione si stanno facendo delle riparazioni più che necessarie. Il famoso fossato posto a ovest del piazzale, ritrovo favorito da rane e rospi, venne chiuso e surrogato con una tubatura confacente; i ciottoloni poi, sparsi sul piazzale, vennero man mano coperti con ghiaia finissima mista a sabbia. Si propone poi di collocare al passaggio a livello, durante la chiusura della barriera, quel congegno girabile fatto a forma di croce romana, per il passaggio del pubblico.
Lunedì si sono svolti due funerali, con gran concorso di popolo, di due donne morte nella stessa notte, di pari età e di eguale malattia e entrambe nubili: Giovanna Stanga fu Teodoro e Maria Riva fu Antonio. Ambedue non ancora sessantenni, buone, laboriose, di indole mite e di condotta irreprensibile.
C’è poi, come consueto all’epoca, il risultato al Tiro federale di Zurigo del Presidente dei Carabinieri di Roveredo Fortunato Tenchio: “Ecco i bellissimi risultati ottenuti dal nostro convallerano Fortunato Tenchio al Tiro federale di Zurigo: Bersaglio Kunst: 5 colpi non ripetibili 1 metro diviso dall’ 1 al 100: Punti 370, 4. Bersaglio Kehr: serie di 100 colpi: bandiere 37 ct.; bandiere 60. Bersaglio Gluck: Tre colpi, non ripetibili; tre colpiti nel cartone centralità maggiore: 17010 gradi; vinse la medaglia d’oro e lo splendido orologio d’orto da signora nella prima giornata di tiro.
Grono - Anche il gronese Gualtiero Tognola ha saputo tenere alto il prestigio dei carabinieri mesolcinesi, specialmente nel bersaglio fortuna, in cui ottenne buoni risultati.
Leggia - Il nuovo ufficio postale sarà probabilmente aperto col primo di agosto sotto la direzione della signora vedova di Carlo Biondini, nominata buralista postale.
Mesocco - Lunedì verso le 4 ci si svegliò dalle grida d’allarme al fuoco scoppiato in una stalla nella parte superiore di Criméi, nella quale alloggiavano alcuni operai. Il pronto intervento evitò che l’incendio si propagasse agli edifici vicini.
Il taglio dei fieni è autorizzato sui monti per lunedì 29 luglio.
L’assemblea comunale ha autorizzato fr. 200 per le spese dei preparativi per la festa dell’inaugurazione della ferrovia elettrica mesolcinese.
Lumino - Si ritorna sulla questione della stazione ferroviaria a Lumino. Quella di Molinazzo in soli 5 giorni ha avuto un incasso di fr. 45, vale a dire fr. 9 al giorno. Se ci fosse una stazione anche a Lumino l’introito sarebbe sicuramente il doppio, cioè 6’000 franchi all’anno, ciò che rappresenta l’interesse di un capitale di 150’000 franchi. Si invitano perciò ancora la ferrovia e le autorità locali a fare il necessario per la stazione di Lumino.
Rossa - La festa della B.V. del Carmine, causa l’aria fredda che soffiava, non ebbe il concorso degli altri anni.
Sabato e domenica scorsi gelò fortemente sugli alpi; dagli scogli pendevano i ghiacciuoli come d’inverno,
Arvigo - Si è avuta la visita del “gran penitenziere cantonale” per la inquisizione del ladroneggio di Cauco a danno del signor maestro Bonalini e di alcuni fatti consimili locali d’oggetti derubati. Una donnetta di Cauco, su cui gravitano degli indizi, fece conoscenza della casa di Circolo e del rispettivo custode. Il signor Laurer aveva delegato il suo supplente che fece frugare tutta la casa del Bonalini.
Augio - Il gran carico di corda metallica, che s’era arenato per istrada, arrivò fino sopra il nostro camposanto. Avvicinatosi troppo al bordo dello stradale, il muro si sfasciò ed il grosso gomitolo fu rovesciato col carro in un prato dove sta. Ha certo un bel valore, ma non vi è pericolo che i ladri se lo mettano in tasca.
Braggio - Tempo più che fresco, ma bellissimo per la fienagione, che procede alacremente in tutta la Calanca, al monte e al piano. Il raccolto è discreto. Scarsi dappertutto i falciatori valtellinesi. In loro mancanza abbiamo un esercito di scolari che fanno ginnastica colla falce e colla gerla da fieno, con esercizi fin troppo prolungati e superiori alla loro età.
Il Municipio di Roveredo pubblica un Avviso di appalto per l’esecuzione del taglio, fabbricazione e condotta a porto del filo del legname di Valle Albionasca. Le offerte devono essere accompagnate da un deposito di fr. 500 o da simile garanzia.


Su Il San Bernardino di sabato 27 luglio 1907 vennero riportate le seguenti notizie di cronaca locale. Roveredo - Domenica 28 si svolgerà la Sagra di Sant’Anna; anche al Monte Laura sono già annunciate diverse comitive di gitanti.
Si è svolta l’assemblea comunale che ha approvato il conti del 1906 e respinto de dimissioni del segretario comunale.
Alcuni giorni fa venne arrestato un individuo poco rispettoso dell’autorità costituita. Venne trattenuto alcune ore in “domo petri” per insegnargli che col presidente di circolo non si scherza.
Grono - Oggi si svolgerà la festa d’inaugurazione della ferrovia: le stazioni saranno pavesate e le musiche dei villaggi accoglieranno il treno inaugurale al suono di allegre e patriottiche melodie.
L’altro giorno una vacca, valutata 22 marenghi, venne urtata dalla motrice ferroviaria e cadde da un riparo rompendosi la spina dorsale. La bestia dovette essere macellata e alla ferrovia non resterà altro che indennizzare il proprietario della vacca.
Leggia - È pubblicato il necrologio di Antonietta a Marca morta nella notte di domenica, dopo lunga infermità. Figlia del Cavaliere e Comandante Giuseppe a Marca, andò sposa al compianto Commissario e presidente avvocato Giuseppe a Marca.
Mesocco - Finalmente è assicurata per questo sabato 27 luglio l’inaugurazione della linea ferroviaria.
Sono stati diramati gli inviti a tutte le autorità civili dei comuni vallerani, del distretto, dei Grigioni e Ticino, del dipartimento federale delle pubbliche costruzioni, nonché ai giornalisti dei due cantoni.
Si parla di 150 invitati che siederanno a banchetto nella vasta officina della ferrovia a Mesocco. Interverranno pure parecchi corpi di musiche, di società, ecc.
È morto Antonio Provini detto Bertochin, nell’età di 76 anni.
Segue poi il seguente Avviso:
Per espresso desiderio e preghiera della lodevole Sovrastanza di Mesocco, sabato prossimo 27 corrente, in occasione dell’inaugurazione della ferrovia Mesocco-Bellinzona, si suoneranno le campane a festa, si celebrerà la Santa Messa cantata alle ore 10, e si darà la benedizione col Santissimo Sacramento. Nel pomeriggio, sul piazzale della stazione vi sarà la benedizione della ferrovia. Mesocco, 23 luglio 1907 - Il Parroco.
San Bernardino - Viene pubblicata una nuova lista di forestieri villeggianti negli alberghi Victoria e Brocco nonché nelle diverse ville. Si tratta di un lungo elenco, segno che la stagione proseguiva a gonfie vele, con villeggianti provenienti dall’Italia, dall’Inghilterra, dall’Egitto, dall’Olanda, dal Canton Ticino, dalla Germania, dall’Argentina, dall’Irlanda, dalla Svizzera tedesca. La prossima settimana all’Hôtel Victoria cominceranno le soirées danzanti e i concerti. Ci saranno poi delle grandi feste da ballo ogni domenica nel grandioso salone dell’Hôtel. L’autore dell’articolo, il signor Rossi, gerente del Victoria, si chiede anche come viene utilizzata la “tassa di cura” fissata in 3 lire, che dovrebbe essere impiegata per lo sviluppo di San Bernardino. Nelle strade la polvere non si vede mai perché l’apposito personale è impiegato giornalmente all’innaffiamento; l’illuminazione delle strade è tale da far concorrenza alla luna; il giardino pubblico, le passeggiate, il laghetto, il campi dei fiori, tutti senza eccezione sono provvisti di appositi cartelli indicatori per impedire di perdere la strada. Tutto insomma da complimentare: comune, consorzio degli albergatori e la “Kurtaxe” di cui si ammirano i risultati della propaganda.
Calanca - Mentre le altre vallate sono percorse da linee elettriche o a trazione di vapore, la Val Calanca è solcata da tutti i quattro punti cardinali da funicolari.
Tralasciando quella principesca tra Braggio ed Arvigo, che funziona egregiamente da un quarto di secolo per trasporto d’ogni genere di vettovaglie e da più di 15 anni adibita pel servizio postale, con gran soddisfazione di tutta la popolazione, ve ne ha presentemente una in Buseno pel trasporto di legname mercantile d’una discreta lunghezza ed altre per quello della legna da fuoco.
Quella che però resterà un ricordo sarà la funicolare Rossa-Valbella-Asso d’una lunghezza di circa cinque chilometri.
La grossa fune d’acciaio è una meraviglia per grossezza ed intreccio. Già sono in opera i cavalletti che la devono sostenere e superiormente alla frazione d’Altarco presso Augio devolverà le migliaia di tronchi di abete e di larice.
Il dislivello tra la stazione di partenza e quella d’arrivo essendo di circa 400 metri soltanto, la tecnica popolare non crede possibile che a sola trazione di peso si possa mettere in movimento tutta la linea coi suoi apparati di ritorno, ma lasciamo operare gli ingegneri nostrani che hanno fatto il loro tirocinio sotto il rinomato capo-tecnico dello studio del Baitin nella valle di Roveredo e vedremo l’aerea soénda. Quel defunto padre delle carruccole aveva impiantato da solo, coi suoi mezzi ristrettissimi, una linea di fili che percorreva quasi totalmente la vallata di Roveredo. Aveva principiato con alcune corde di gambaggio.
Il riferimento è a Stiliano Togni (1832-1898) del ramo patrizio sanvittorese che nel Settecento si stabilì a San Fedele di Roveredo e che fu l’inventore della teleferica col filo a sbalzo, per la quale invenzione venne anche premiato a Parigi.
Braggio - Dal 9 fino al 23 luglio non cadde che qualche goccia di pioggia di temporale. Il terreno finora resistette al sole, al caldo che toccò i 23 centigradi, ed al vento che soffiò per più giorni con violenza. Ora però la siccità si fa sentire; alcuni terreni già soffrono. Il male è compensato dalla bella quantità di fieno che s’installa secco e profumato.

Sulla prima pagina di questo numero è presentato quanto segue:

Inaugurazione della Ferrovia Elettrica Bellinzona-Mesocco - Programma
• Ore 10 antimeridiane - Partenza da Bellinzona con treno speciale
22 colpi di cannone dal castello d’Uri. - Fermata a tutte le stazioni per ricevere gli invitati.
• Ore 1145 - Arrivo a Mesocco
22 colpi di cannone dal Castello di Mesocco.
• Discorso inaugurale dell’onorevole Presidente signor Calonder, Consigliere agli Stati.
• Corteggio: Stazione - Criméi - Léis - San Rocco - Stazione;
Banchetto. - Visita facoltativa alla centrale di Cebbia.
• Ore 5.15 pomeridiane - Partenza da Mesocco.
• Ore 6.45 pomeridiane - Arrivo a Bellinzona.
La lodevole Municipalità di Bellinzona ha nominato una commissione per organizzare dei festeggiamenti anche a Bellinzona per l’inaugurazione della ferrovia mesolcinese.
Sarà offerto un banchetto agli invitati di ritorno da Mesocco, con concerto della civica e forse altro.

Nella prossima puntata riassumerò quanto pubblicato sul numero del 3 agosto 1907 (di 6 pagine) con tutta la cronaca del festoso avvenimento dell’inaugurazione della ferrovia. Cesare Santi

top

“I bambini oggi sono dei tiranni. Contraddicono i genitori, ingoiano il loro cibo e tiranneggiano i loro insegnanti.”

Socrate

 
Sponsors