• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Regionale
domenica 13 marzo 2016.
Un primo importante passo nelle Cure Palliative nel Moesano

Dallo scorso anno, l’Associazione Cure e Assistenza a domicilio del Moesano (ACAM) si sta occupando della progettazione di un servizio di Cure Palliative per la regione Mesolcina e Calanca. Questo progetto ha richiesto il coinvolgimento e il confronto con diversi esperti del settore grigionese e ticinese, consentendo di raccogliere ed esaminare quanti più dati possibili in materia di Cure Palliative (CP) praticate e praticabili sul campo, con una particolare attenzione rivolta alle necessità specifiche della nostra regione. Per ottemperare alle indicazioni della Strategia Nazionale in materia di Cure Palliative, l’ACAM ha convenuto sull’importanza di formare un team interdisciplinare quanto più esteso possibile nell’ambito delle Cure Palliative, in modo da poter migliorare l’offerta di cura e di assistenza per le persone affette da malattie inguaribili ed evolutive nella nostra regione, promuovendo nel contempo quello sviluppo di sinergie collaborative che le istituzioni e i servizi di cura richiedono oggigiorno per far fronte ai problemi di salute delle persone.
Grazie ad un importante accordo raggiunto con l’Area Sanità del Dipartimento di Economia Aziendale, Sanità e Sociale della SUPSI e l’incoraggiante coinvolgimento delle case per anziani, l’ACAM è riuscita ad organizzare la formazione base in Cure Palliative (livello A2) presso la sede di Cama. Questo primo importante passo formativo consentirà di:


- poter operare sul territorio secondo gli standard richiesti a livello Cantonale;

- creare reti interdisciplinari di sostegno sfruttando le risorse già presenti e operanti sul territorio quali Hospice e Cure Palliative di Coira;

- costruire relazioni professionali con personale di riferimento specializzato da poter contattare al bisogno, valorizzando l’importanza di una pratica di cura interdisciplinare

- valorizzare all’interno del servizio ACAM il ruolo di responsabilità nell’ambito delle Cure Palliative;

Le cure palliative, infatti, richiedono una specifica attenzione allo sviluppo, al consolidamento e coordinamento del lavoro interdisciplinare. L’interdisciplinarietà è un’esigenza della presa a carico del nostro tempo, che nasce da una complessità di cura crescente: ci si confronta con situazioni di sofferenza individuali e famigliari che richiedono sempre maggiori competenze collaborative fra professionisti, con il fine comune di difendere e garantire la qualità della vita di tutti coloro che devono far fronte a problematiche di salute inguaribili, ma pur sempre curabili. È fondamentale, pertanto, la pianificazione di obiettivi multidimensionali comuni su cui lavorare sinergicamente, pur mantenendo le specificità di ruolo e di competenze di ciascun professionista della salute.
Una possibilità ora diventata realtà, che grazie al sostegno e all’appoggio dei medici curanti della zona, potrà concretamente garantire sul territorio della Val Mesolcina e Calanca:


- la promozione di conoscenze e sviluppo delle relative competenze in ambito palliativo;

- una miglior qualità di vita possibile per la persona affetta da malattia inguaribile e per la sua famiglia.

Veronica Paggi
Responsabile Cure Palliative ACAM

top

Pensa sempre a quanto è lungo l’inverno.

Marco Porcio Catone (il Censore)

 
Sponsors