• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Varie
giovedì 5 maggio 2016.
Errori medici, risarcire è un dovere

Nel suo editoriale il presidente dell’ACSI, Antoine Casabianca, torna a parlare di errori medici dopo gli ultimi fatti avvenuti nel reparto di gastroenterologia dell’Ospedale Civico di Lugano. “In un mondo dove l’errore è dietro l’angolo - dice Casabianca - quella che dovrebbe essere assolutamente garantita è la sicurezza che le conseguenze che subiranno i pazienti (o i loro congiunti) in seguito a un errore medico saranno riconosciute e gestite senza troppi problemi” e fa riferimento a quanto sta valutando il Consiglio federale per migliorare la posizione del paziente in cause di questa natura. Nel progetto che si sta delineando però l’onere della prova della responsabilità dei sanitari rimarrebbe sempre purtroppo a carico dei pazienti. Occorre perciò che le associazioni di difesa dei pazienti, tra le quali figura l’ACSI, facciano pressione per cambiare questa pratica, sgravando le vittime da questo fardello.

È ora di una “class action” anche in Svizzera!
Le organizzazioni dei consumatori in Svizzera la rivendicano da tempo e l’hanno riproposta in occasione della Giornata internazionale dei diritti dei consumatori 2016. Se n’è discusso anche nel corso dell’assemblea generale dell’ACSI (di cui si parla in questa edizione della BdS). La Commissione federale del consumo riconosce che è giunto il momento di emanare una legge sulle azioni collettive e porre i consumatori svizzeri al passo con quelli dei paesi che ci circondano. E pure lo stesso Consiglio federale finalmente lo riconosce. Per l’ACSI occorre quindi agire rapidamente per giungere al più presto al riconoscimento anche in Svizzera della Class action.

Test - Sicurezza informatica
Il 91% delle economie domestiche svizzere è connesso alla rete internet: ecco quindi che l’installazione di un antivirus per proteggere i propri dati diventa assolutamente necessario. La scelta della protezione ideale per il proprio computer di casa non è semplice: il test mette a confronto 14 programmi destinati in particolare ai PC e fornisce consigli utili per trovare la soluzione ottimale per i dati informatici. Sul tema interviene anche l’esperto Paolo Attivissimo.

Test - Crocchette per cani
68 proprietari di cani hanno raccolto la sfida di cambiare il regime alimentare dei loro animali per una decina di giorni e i cani si sono prestati come degustatori. A questi ultimi sono state proposte per pranzo 10 varietà di crocchette e i loro proprietari ne dovevano valutare l’apprezzamento e le eventuali conseguenze sul benessere dell’animale. Alla fine, quasi tutti i prodotti hanno conquistato almeno una coppia padrone-cane, ma una ha primeggiato su tutte, Royal Canin. È stata tuttavia rilevata una generale carenza nelle indicazioni in etichetta e ciò rende difficile la scelta e il confronto.

Lattine, più contenitori meno littering
Nonostante il successo svizzero della raccolta separata delle lattine in alluminio, contenitori variopinti di questo materiale si trovano sparsi un po’ ovunque sul nostro territorio. Una maggiore diffusione di raccolte separate potrebbe contribuire a limitare questo malcostume.

Il consumatore è cambiato
L’analista economico Silvano Toppi riprende i dati pubblicati dalla rivista mensile del Segretariato di Stato per l’Economia (Seco) che indicano come oggi il consumatore svizzero sia più critico, più esigente e più consapevole. A questo hanno sicuramente contribuito associazioni di consumatori come l’ACSI ma gli sforzi non bastano ancora. È necessaria più trasparenza, più concorrenza, più informazione sulla sostenibilità dei prodotti.

Borsa della spesa nella locandina allegata:

PDF - 3 Mb
top

Pensa sempre a quanto è lungo l’inverno.

Marco Porcio Catone (il Censore)

 
Sponsors