• 12188 Andrea Vitali a Grono
  • 12188 Andrea Vitali a Grono
  • 12170 Divertiamoci in Biblioteca
  • 12104 Scala con sorpresa!
  • 12103 Materia grigia!
Comunicati
mercoledì 1 giugno 2016.
Bocce – Due splendidi successi di Gregory e Gioele
di Antonio Cavadini

È un ottimo periodo di forma per i fratelli Gregory e Gioele Bianchi, sempre più protagonisti dei tornei giovanili. Negli scorsi giorni hanno vinto la gara organizzata dalla Società Bocciofila Libertas di Camorino. Entrambi vestono i colori biancoblu del Bar Motto di Mesocco: orgoglio Moesano!

Gregory, il maggiore, si imposto nettamente nella categoria Under 15. Gregory è nato il 14 maggio del 2001 e ha così festeggiato il suo fresco compleanno. È al secondo successo consecutivo in un torneo Under 15. Ciò che dimostra la sua evidente crescita tecnica e umana, affinata da alcune esperienze preziose (il recente “stage” della nazionale giovanile di Lugano, per esempio) e dall’ambiente familiare che non può non influire sul ragazzo. Gioele, il minore, ha vinto nella categoria Under 12. Gioele è nato l’11 novembre del 2005 e festeggerà l’undicesimo compleanno fra circa un semestre (giocherà ancora l’anno prossimo nella medesima categoria). Nel girone finale a tre, ha incontrato l’avversario di … sempre Ryan Regazzoni – sono davvero già epiche le loro sfide! – e il bravo Numa Cariboni della Libertas. Per stabilire la classifica finale si è dovuto ricorrere al tiro ai pallini. Gioele ne ha colpiti quattro (!) su cinque. Ryan tre e Numa due. Da applausi a scena aperta!
I fratelli, come il lettore avrà facilmente inteso, sono figli d’arte.
Gli appassionati mesolcinesi avranno la possibilità di osservare Gregory e Gioele, insieme con una trentina di altri avversari-amici, direttamente sulle corsie di gioco di San Vittore e di Mesocco il prossimo sabato 18 giugno. Si disputerà il classico torneo organizzato dalla Federazione Grigioni.

anca




Gli ottimi gesti tecnici dei due fratelli Gregory e Gioele Bianchi, impegnati nelle finali del torneo giovanile organizzato dalla Libertas di Camorino.
top

Il saggio non si giudica indegno dei doni della fortuna, non ama le ricchezze ma preferisce averle; non le accoglie nell’animo ma le tiene in casa; non rifiuta quelle che possiede ma le domina e vuole che essa offrano maggiori possibilita’ alla sua virtu’.

Seneca

 
Sponsors