• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Politica
sabato 25 giugno 2016.
Il Brexit è solo un segnale

Salutiamo la scelta democratica del popolo britannico di uscire dall’Unione Europea: è un segnale forte contro l’imperialismo e il neo-liberismo che l’UE conduce e rappresenta. Tuttavia non ci si deve fare illusioni poiché Londra resta saldamente in mano a chi queste politiche anti-popolari le ha sempre sostenute.

Oggi ha prevalso l’idea - che noi comunisti condividiamo da anni - dell’irriformabilità dell’UE dall’interno, e ciò è oggi sotto gli occhi di tutti, anche dopo lo sviluppo dell’esperienza greca. Solo però se la Gran Bretagna saprà riprendere la propria sovranità nei settori economici strategici e in quello dei diritti sociali così gravemente rovinati dalle politiche di austerity e ancora se saprà svincolarsi dalla prassi bellicista della NATO aprendosi a maggiore cooperazione coi paesi emergenti BRICS, potremo dire che il Brexit ha costituito un elemento di progresso.

Il risultato odierno viene ora strumentalizzato come una vittoria della sola destra nazionalista e xenofoba, ma ci si scorda la grande mobilitazione di sinistra: oltre ai partiti comunisti britannici e ad alcune sigle sindacali con cui da tempo abbiamo relazioni, si sono mossi personaggi del calibro dell’ex-leader sindacale Arthur Scargill (protagonista degli scioperi degli anni ’80) e dell’ex-deputato George Galloway (oggi candidato a sindaco di Londra). Il risultato va quindi anche letto come un segnale di disaffezione dei ceti popolari e della classe lavoratrice verso il Partito Laburista (partner del PSS), la cui base non sembra aver seguito le indicazioni subalterne agli interessi del grande capitale europeo di Jeremy Corbyn.

Bisogna insomma che a sinistra si abbandoni il romanticismo che confonde la solidarietà internazionalista con il cosmopolitismo e si torni invece a riscoprire il pensiero concreto del socialismo: il “Leave" vince infatti nelle zone di maggiore sofferenza sociale ed economica, cioè tra le vittime dell’offensiva capitalistica più violenta e a cui la sinistra - anche da noi - deve subito tornare a dare risposte.

Partito Comunista

top

Pensa sempre a quanto è lungo l’inverno.

Marco Porcio Catone (il Censore)

 
Sponsors