• 10976 La Bregaglia a geografia variabile
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Politica
mercoledì 3 agosto 2016.
Secondo Bertoli ai “lazzaroni” va negato il diritto allo studio!

La ghigliottina si è definitivamente abbattuta sui licei e sulla SCC ticinesi: malgrado le varie critiche formulate al riguardo, il nuovo Regolamento della Legge sulle Scuole Medie Superiori entrerà in vigore dal 1. agosto. Il Sindacato Indipendente degli Studenti e degli Apprendisti (SISA) prende atto con profondo rammarico di questa decisione del Consiglio di Stato, giustificata da una consultazione “pro-forma” (in realtà una vera e propria farsa) che non ha visto coinvolti gli studenti e rivela quanto il DECS sia davvero interessato al loro parere...

La “dottrina Bertoli” si basa sulla tesi per cui “gli studenti bocciano perché non sono davvero motivati” e spesso identificano il liceo come un “parcheggio” utile a schiarirsi le idee per uno o più anni. Il nuovo testo di legge introduce alcune nuove regole che dovrebbero far desistere questi “lazzaroni” dall’iscriversi in una scuola al sopra delle loro possibilità:

1. si potrà ripetere la classe una sola volta nei primi tre anni;

2. l’abbandono dell’anno verrà considerato come una bocciatura (“non superato”);

3. la “frequenza insufficiente” in una disciplina potrà portare a venir esclusi dagli esami in 4a o alla bocciatura negli anni intermedi;

4. in casi di “indisciplina ripetuta” si potrà venir esclusi dagli esami o bocciati.

Questa lettura della situazione ci sembra però piuttosto semplicistica e fuorviante: l’esplosione delle bocciature nelle scuole medie superiori è un problema oggettivo (agli inizi degli anni 2000, gli studenti che bocciavano il primo anno erano in media il 20%; oggi siamo oltre il 30%!), ma ci pare davvero fuori luogo affermare che questa sia dovuta ad un’altrettanta esplosione della “demotivazione” degli allievi. La risposta è da cercare altrove: da un lato, la scuola è divenuta più esigente (a causa della “kleine Revision” del 2008, che ha dato più importanza alle materie scientifiche, fonte di grosse difficoltà per gli studenti appena usciti dalla scuola media); dall’altro, la scuola ha perso risorse (decimate dai tagli alla spesa susseguitisi negli ultimi 20 anni) e con esse la possibilità di fornire un’istruzione equa e inclusiva a tutti gli studenti. Servizi come le lezioni di recupero, di assistenza allo studio, ecc. (che permettono agli studenti meno agiati e/o appena usciti dalla scuola dell’obbligo di colmare le proprie lacune e tenere il passo con i propri compagni) scompaiono anno dopo anno in tutte le scuole superiori ticinesi, e ora il governo vorrebbe sopprimere anche una buona parte dei corsi facoltativi e supplementari che vi vengono proposti.

Ci teniamo a rimarcare come le principali vittime di questa politica scolastica saranno ancora una volta gli studenti delle fasce sociali più sfavorite, i quali già oggi partono in svantaggio rispetto ai propri compagni più benestanti e con queste misure si vedrebbero chiusa in faccia la porta verso un’istruzione universitaria e una posizione sociale migliore rispetto a quella della propria famiglia d’origine. Se anche voi non condividete questi provvedimenti, siete caldamente invitati a sottoscrivere la petizione del SISA intitolata “NO allo smantellamento del liceo ticinese” (che potete trovare qui: http://www.sisa-info.ch/link/campag...): non lasciamo che quel poco di diritto allo studio che ancora esiste venga massacrato in questo modo!

Per la segreteria del SISA,

i coordinatori,
Luca Robertini
Zeno Casella

top

Non è possibile o non è facile mutare col ragionamento ciò che da molto tempo si è impresso nel carattere.

Aristotele

 
Sponsors