• 10976 La Bregaglia a geografia variabile
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Sport
lunedì 5 settembre 2016.
Bocce – Il Grigioni e la Coppa Svizzera
di Antonio Cavadini

Sabato prossimo 10 settembre e domenica 11 si disputerà a Zurigo la Coppa Svizzera, il torneo a squadre al quale partecipano le formazioni delle quindici Federazioni Cantonali della Federazione Svizzera Bocce. La sedicesima, per regolamento, spetta alla Federazione che organizza la manifestazione. Anche il Grigioni, perciò, sarà al Letzigrund (e a Dietikon dove si giocheranno pure le fasi iniziali).
La FBG ha una lunga e importante tradizione nei tornei della Coppa Svizzera. L’ha vinta ben cinque volte: nel 1986, 1987 e poi nel 1997, 1998 e 1999. Le ultime quattro con l’apporto di Davide Bianchi, prima che il campione del mondo si accasasse in Club ticinesi.
Nell’ultima edizione dello scorso anno, a Basilea, i mesolcinesi conquistarono un buon quarto posto a pari merito con squadre oggettivamente più forti (Berna, Lucerna e Neuchâtel), dopo i vincitori di San Gallo, Ticino e Basilea. L’obiettivo di quest’anno sarà di fare altrettanto e, per quanto possibile, migliorarsi. Ma non sarà facile. Zurigo disporrà di due squadre ed è la Federazione che si è specializzata nella Coppa nazionale (ha vinto sette volte negli ultimi dieci anni). San Gallo difenderà coi denti il successo del 2015. Il Ticino schiererà i suoi pezzi da novanta. E Berna, Basilea e Lucerna non si limiteranno alle semplici apparizioni.
I quattro giocatori grigionesi convocati sono Fiore Astorino (Società Bocciofila Viamala di Thusis), Ferruccio Gobbi, Luca Manzoni e Damiano Rossi, tutti della Bassa Mesolcina di San Vittore.
A Zurigo saranno guidati dal Commissario Tecnico Felice Barella. Sarà ovviamente presente anche il Presidente della FBG Sandro Bianchi.


Damiano Rossi e Ferruccio Gobbi, due dei quattro grigionesi alla Coppa Svizzera, fotografati sabato scorso in occasione della loro bella prestazione, quinto rango, nel Gran Premio di Pregassona
top

Non è possibile o non è facile mutare col ragionamento ciò che da molto tempo si è impresso nel carattere.

Aristotele

 
Sponsors