• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Fuori regione
martedì 27 settembre 2016.
Nuova definizione delle regioni di premio

Le regioni di premio, che oggi si fondano sui Comuni, in futuro si baseranno sui Distretti. Il Dipartimento federale dellʼinterno (DFI) avvia oggi la procedura di consultazione relativa alla revisione dellʼordinanza sulle regioni di premio. La nuova definizione deve permettere di realizzare una carta delle regioni di premio più coerente ed equilibrata. La sua entrata in vigore è prevista per il 1° gennaio 2018.

Oggi le regioni di premio sono definite solo sulla base dei Comuni e una tale limitazione può risultare arbitraria. Ne è l’esempio un Comune, in cui è ubicata una casa di cura o una casa di riposo, che presenta costi più elevati rispetto al Comune limitrofo che non dispone di alcun tipo di struttura analoga. Inoltre, dal 2015 lʼUFSP non preleva più dati degli assicurati per Comune, ma per Distretto al fine di garantire l’anonimato degli assicurati. Di conseguenza, i dati raccolti non permettono più di valutare i costi per Comune.
Nuova carta delle regioni di premio
Il Parlamento ha incaricato il DFI di definire le regioni di premio, che per coerenza ha scelto come base i Distretti. Il Dipartimento è anche stato incaricato di adeguare le differenze di premio che in futuro saranno stabilite per Cantone. In tal modo si potrà tenere conto più equamente delle differenze di costi tra le regioni dei singoli Cantoni. Si tratta di un affinamento del sistema vigente. Nella primavera 2016, i Cantoni sono già stati consultati nell’ambito dei lavori preparatori.
Il DFI ha scelto come criteri di definizione l’esistenza o meno di Distretti e l’effettivo degli assicurati nei Cantoni. In effetti, tutti i Cantoni che contano attualmente una sola regione di premio - la maggioranza - mantengono una regione unica, sia perché non contemplano il Distretto tra i loro enti pubblici, sia perché il loro effettivo di assicurati non supera le 200 000 unità.
La situazione rimane invariata per tutti i Cantoni che contano attualmente due regioni (BL, FR, TI, VD, VS), salvo Sciaffusa che fa parte del gruppo di Cantoni con una sola regione di premio poiché il suo effettivo è inferiore ai 200 000 assicurati. Infine, tra i Cantoni in cui attualmente vi sono tre regioni di premio, quattro (BE, GR, LU e SG) avranno d’ora in poi solo due regioni.
Rimane immutato il numero di regioni del Cantone di Zurigo. La procedura di consultazione inizia oggi e durerà fino a metà gennaio 2017.

top

Pensa sempre a quanto è lungo l’inverno.

Marco Porcio Catone (il Censore)

 
Sponsors