• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Fuori regione
venerdì 30 settembre 2016.
Comunicato del Governo del 29 settembre 2016

Il Governo ha preso posizione in merito alla modifica della legge federale sulle lingue, ha fissato nuovi limiti di CO2 per beneficiare della riduzione dell’imposta di circolazione e ha approvato le revisioni delle pianificazioni locali dei Comuni di Davos, Sils e Sufers.

La legge sulle lingue deve rimanere di competenza dei Cantoni Il Governo ha preso posizione in merito alla modifica della legge federale sulle lingue nazionali e la comprensione tra le comunità linguistiche (legge sulle lingue). Con un’integrazione della legge sulle lingue si vuole sostenere l’armonizzazione dell’insegnamento delle lingue nella scuola dell’obbligo. Il motivo di questo adeguamento è riconducibile al fatto che alcuni Cantoni rimettono in questione l’insegnamento di una seconda lingua nazionale nella scuola elementare.
Il Governo grigionese ritiene sostanzialmente problematico che la Confederazione intervenga sul piano legislativo in un ambito che rientra nella competenza dei Cantoni. Il Governo riconosce tuttavia che i Cantoni non hanno dato pienamente seguito al loro obbligo di armonizzazione. Quale unico Cantone svizzero trilingue, il Cantone dei Grigioni occupa una posizione speciale ed è quindi particolarmente toccato dalla presente questione e interessato a una soluzione. Il Consiglio federale pone in discussione tre varianti per la modifica del testo di legge. Il Governo grigionese è favorevole alla variante 3, la quale interviene in misura minore nella competenza dei Cantoni. Al fine di rafforzare le lingue minoritarie italiano e romancio, si vuole inoltre proporre a tutti gli allievi del grado secondario I una terza lingua nazionale quale materia facoltativa.

Sostegno per un campus dedicato alle allergie e all’asma a Davos
Il Governo ha approvato il rapporto annuale 2015 dell’Istituto svizzero di ricerca sulle allergie e sull’asma (SIAF) e ha conferito il mandato di prestazioni per gli anni 2017‑2020, che prevede un aumento del contributo globale a partire dal 2018. Per il 2017 è previsto il versamento di un contributo di 290 000 franchi, mentre per gli anni 2018‑2020 vengono prospettati 520 000 franchi all’anno. È fatta salva l’approvazione da parte del Gran Consiglio.
L’aumento del contributo si trova in relazione alla realizzazione della nuova Hochgebirgsklinik Davos Wolfgang, presso la quale è prevista la creazione di un campus dedicato alle allergie e all’asma, cosa che comporterà costi infrastrutturali più elevati per il SIAF. Il previsto campus dovrà diventare un centro di competenza per la ricerca sulle allergie e sull’asma che unisca le forze di vari partner e riunisca in un solo luogo l’assistenza clinica, la ricerca di punta nel settore delle allergie e dell’asma, l’istruzione e la formazione nonché lo svolgimento di eventi scientifici e a orientamento pratico (congressi, convegni e workshop).

Nuovi valori limite del CO2 per beneficiare di una riduzione dell’imposta di circolazione
Il Governo grigionese ha adeguato l’ordinanza della legge d’applicazione della legge federale sulla circolazione stradale. I valori limite del CO2 per beneficiare di vantaggi fiscali con veicoli a motore leggeri che producono poche emissioni sono stati ridefiniti in seguito al progresso tecnologico. Dal 2017, l’imposta di circolazione verrà ridotta del 60 per cento per veicoli a motore leggeri con emissioni massime di CO2 di 110 g/km (finora 120 g/km) e dell’80 per cento per veicoli a motore leggeri con emissioni massime di CO2 di 95 g/km (finora 105 g/km). Il Governo riduce i valori limite per le emissioni di CO2 ogni due anni.

Il nuovo punto d’appoggio Bernina sarà una "Camera Obscura"
Il Governo ha incaricato lo studio di architettura Bearth & Deplazes di Coira della realizzazione del nuovo punto d’appoggio sul passo del Bernina. Il suo progetto intitolato "Camera Obscura" si è imposto su altri 60 concorrenti. Secondo il rapporto della giuria, il progetto vincitore convince per il suo interessante confronto con il paesaggio. La natura crea un legame con l’edificio; ciò si evidenzia ad esempio nel fatto che tutti i locali sono coperti da terra. I costi complessivi previsti per la costruzione ammontano a circa 10 milioni di franchi.

Approvato un progetto di protezione dalle valanghe nel Moesano
Il Governo ha approvato il progetto "Ripari valangari Giumella" del Comune di Rossa. Negli ultimi 200 anni, nella zona interessata dal progetto sono stati documentati sette distacchi di valanghe, che in due occasioni hanno provocato dei morti. Al fine di proteggere meglio l’insediamento e la strada cantonale, saranno investiti complessivamente 5,8 milioni di franchi per realizzare ponti da neve, reti da neve, palizzate deflettrici nonché una diga di deviazione. Il Governo ha garantito a questo progetto un contributo pari ad al massimo 4,47 milioni di franchi.

Contributo NPR per un impianto d’innevamento artificiale a Pradaschier
Il Governo ha concesso un sostegno finanziario nel quadro della nuova politica regionale della Confederazione (NPR) per la realizzazione dell’impianto d’innevamento artificiale a Pradaschier. I contributi NPR sono a carico della Confederazione e dei Cantoni interessati in ragione della metà ciascuno. Il Governo grigionese ha concesso un mutuo NPR di 1,2 milioni di franchi per i costi complessivi pari a 4,5 milioni di franchi. Viene concesso anche il contributo obbligatorio del Cantone dei Grigioni, che ammonta a 202 007 franchi.

Luce verde all’ampliamento del bike park di Davos
Il Governo ha approvato con una condizione la pianificazione delle utilizzazioni del Comune di Davos del 20 dicembre 2015 per l’ampliamento del bike park Färich. Nel quadro della procedura per il rilascio della licenza edilizia si dovrà garantire che un evento naturale che dovesse verificarsi in zona Färich non possa causare danni a persone. Nel bike park Färich di Davos potranno quindi essere realizzati percorsi e salti supplementari. Per realizzare questo progetto sarà dissodata una superficie boschiva di 2607 metri quadrati. Quale compensazione del dissodamento sono previste misure a favore della protezione della natura e del paesaggio in zona "Drusatscha".

Creata la base per la costruzione di un albergo a Sils
Approvando la revisione della pianificazione locale del Comune di Sils i.E./Segl del 25 giugno 2015, il Governo ha creato la base pianificatoria per la costruzione di un albergo nei pressi della stazione a valle della funivia Furtschellas. Al fine di garantire una chiara separazione spaziale tra l’albergo previsto e la confinante azienda forestale, vengono adeguate delle zone esistenti. Per evitare che gli sciatori e le attività forestali si ostacolino a vicenda, viene anche spostata la pista di sci nella zona intorno alla stazione a valle. Il Governo ha inoltre invitato il Comune a provvedere, nel quadro della procedura per il rilascio della licenza edilizia, affinché il maggior numero possibile di posteggi venga realizzato sotto terra.

Sulla buona strada la realizzazione di un piccolo caseificio a Sufers
Il Governo ha approvato la revisione parziale della pianificazione locale del Comune di Sufers del 10 giugno 2016 per la realizzazione di un caseificio con piccolo birrificio integrato. In futuro, in una trattoria dovranno così poter essere consumati prodotti agricoli locali e regionali, che potranno anche essere acquistati in un piccolo negozio. Il caseificio è un progetto di sviluppo regionale (PSR), sostenuto dall’associazione "PRE Beverin". Complessivamente il progetto costerà 3,17 milioni di franchi e sarà cofinanziato dal Cantone.

Fissata la durata minima della chiusura invernale della Forcola di Livigno
Il Governo ha fissato in generale l’inizio e la fine della chiusura invernale della strada della Forcola di Livigno all’ultimo venerdì di novembre, rispettivamente al primo lunedì di giugno. In considerazione delle relative condizioni meteorologiche e del corrispondente pericolo di valanghe, è possibile che in autunno il momento della chiusura venga anticipato, rispettivamente che la riapertura in primavera venga differita. In questo caso, il momento preciso della chiusura e dell’apertura del passo sarà fissato dal Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste (DCTF). Questa regolamentazione vale da subito e a tempo indeterminato.

Oggetto in votazione il 27 novembre 2016
Il Governo ha preso atto del fatto che domenica 27 novembre 2016 sarà sottoposto a votazione popolare il seguente oggetto federale: - iniziativa popolare del 16 novembre 2012 "Per un abbandono pianificato dell’energia nucleare (Iniziativa per l’abbandono del nucleare)"

Domenica 27 novembre 2016 non verranno posti in votazione oggetti cantonali.

top

Pensa sempre a quanto è lungo l’inverno.

Marco Porcio Catone (il Censore)

 
Sponsors