• 12740 Grono - Mercatino San Clemente
  • 12726 Cose strane ... scusate ... scale strane!
  • 12691 Autunno
Lettere dei lettori
domenica 2 ottobre 2016.
Aumento dei premi cassa malati e referendum
di Raoul Ghisletta

Gli aumenti dei premi cassa malati per il 2017, in media svizzera del 4,5%, hanno suscitato grande preoccupazione tra la popolazione. La causa della crescita dei costi a carico degli assicurati è da ricercare nei continui peggioramenti dei meccanismi utilizzati per versare i sussidi pubblici (cantonali e federali) volti alla riduzione dei premi cassa malati a carico del ceto medio-basso. Un cattivo esempio per tutti è costituito dalla recente decisione del Parlamento ticinese di peggiorare la legge sull’armonizzazione delle prestazioni sociali: Partito socialista e Sindacato VPOD hanno lanciato il referendum contro il taglio di questi sussidi e in questi giorni stiamo raccogliendo le firme nelle piazze.
Questo referendum è accompagnato da altri due referendum importanti: quello contro i tagli nel settore dell’aiuto a domicilio e quello contro il taglio dei giudici dei provvedimenti coercitivi. Parafrasando l’espressione di un consigliere di Stato, dopo aver grattato il fondo del barile, ora la politica dei tagli lo sta bucando ai danni dei più deboli, nonostante la ricchezza complessiva cresca, come scrive Pontiggia sul Corriere del Ticino. La ricchezza complessiva cresce in Ticino e in tutta la Svizzera, ma ci sono anche i perdenti e gli sfavoriti della politica economica liberale, che sono lasciati sempre più soli, perché i ricchi e le imprese che fanno utili esigono assolutamente di pagare meno imposte. Non possiamo accettare questa deriva, ma dobbiamo mettervi un chiaro freno e chiamare al voto il popolo.
Raoul Ghisletta – granconsigliere PS e sindacalista VPOD

top

“Vi sono momenti, nella Vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre.”

ORIANA FALLACI

 
Sponsors