• 10976 La Bregaglia a geografia variabile
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Regionale
mercoledì 12 ottobre 2016.
Grappoli di note nel Moesano: cronaca di un successo
di Nicoletta Noi Togni

Preceduto dagli “aperitivi musicali” nei comuni di Mesocco, Rossa e San Vittore, si è svolto lo scorso 8 ottobre, nella sala multiuso di Grono, il concerto dei Cori, delle Corali, della Scuola di Musica, delle Bande e di tutto ciò che è musica nel Moesano. Seguita da un folto pubblico (si stimano circa 700 persone), la prima Giornata della Musica che comprendesse tutto il mondo musicale delle due valli di Mesolcina e Calanca, è stata un vero successo. Pensato come incontro tra coloro che si dedicano alla musica, l’evento ha saputo concretizzare il riconoscimento ed il ringraziamento del pubblico e degli organizzatori per il continuo impegno delle musiciste e dei musicisti teso a produrre e trasmettere, con le loro note, gioia e bellezza.
Ben 19 le formazioni musicali che si sono presentate; sono queste: il Trio Fisarmonicisti di Rossa con la Coralina di Buseno, l’Armonia Elvetica di Mesocco, la Corale San Clemente di Grono, il Coro dei bambini di Mesocco, il Coro Parrocchiale San Giulio di Roveredo, il Coro MERIBE di Lumino, la Bandella quater gatt di Mesocco, il Coro Polifonico del Moesano, la Corale di Mesocco, i Segrisèi di Soazza, l’Eco della Curciusa di San Bernardino, il Gruppo Allegria di Soazza, l’Eco della Mesolcina di Roveredo, la Corale San Giorgio di Lostallo, La vòs di nòs sit di Mesocco, il Piccolo Coro del Moesano di Grono, la Jukebox-Band della Scuola di Musica del Moesano, la Società Filarmonica di Roveredo, il Gruppo VaPoRe di San Vittore.

Formazioni che si sono presentate nella loro caratteristica ed unicità riuscendo ad affascinare il pubblico con un’identica attitudine di accuratezza e di passione nei confronti della musica. Entusiasti gli organizzatori della Giornata alla quale vanno sentiti ringraziamenti ad iniziare da Luciano Mantovani del Centro Culturale di Soazza, passando a Giovanni Duca, Presidente della Filarmonica di Roveredo, a Vincenzo Sciuchetti, Direttore della Corale San Giorgio di Lostallo, ad Aixa Andreetta della Pro Grigioni Italiano del Moesano, a Christian Vigne dell’Ente Turistico del Moesano. Felice di questa giornata anche la Direttrice dell’Ufficio della Cultura dei Grigioni, Barbara Gabrielli, ospite d’onore della manifestazione che, dopo aver affermato che “La musica e il canto rientrano tra gli elementi importanti della vita culturale dei Grigioni” si è rivolta ai musicisti dicendo “Grazie alla vostra passione, al vostro legame con la vostra valle e alla vostra coesione sociale, qui la cultura non si può solo ascoltare, ma anche percepire.

Per questo vi ringrazio di tutto cuore!”. Anche il presidente della Regione Moesa porgeva il suo saluto e augurio alla comunità riunita a Grono mentre la giornata vedeva il suo apice nell’esecuzione, da parte di tutti i musicisti, dell’Inno nazionale in un crescendo particolarmente bello ed emozionante. Era poi la volta della Banda di Canobbio che, sotto la direzione di Marco Piazzini, chiudeva preziosamente la giornata. Hanno contribuito finanziariamente alla realizzazione della Giornata della Musica i Comuni di Rossa, Castaneda, Santa Maria, San Vittore, Roveredo, Grono, Verdabbio, Leggia, Lostallo, Soazza e Mesocco, il Cantone dei Grigioni e la Regione Mesolcina (prima della riforma del territorio) nonché sponsor privati. Tutti vanno caldamente ringraziati, in modo particolare il grafico Lulo Tognola, autore generoso della pubblicità, Margherita Cadenazzi per le meravigliose decorazioni, il Gruppo di Diego Tamò che ha gestito bar e cucina, tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita della giornata e tutti i presenti incluse le diverse autorità, la stampa con la rivista di Pietro Barbieri, il fotografo Luca Passardi e la TSI.

Grazie anche al validissimo conduttore della giornata Alessandro Tini e agli operatori del suono Mathias Nietlispach e Jonas Rizzi.
Il grazie più grande va comunque a chi ci ha regalato la sua musica - musicisti, dirigenti, presidenti dei gruppi e società - e che continua a regalarla nei nostri paesi alla popolazione, ai nostri anziani ed ammalati, a tutte le celebrazioni che richiedono il loro contributo. Loro che ci toccano il cuore e aprono l’anima e che si sono detti così felici per questa giornata da volerla ripetere l’anno prossimo.
A tutti il mio grazie più profondo: per una giornata da iscrivere nell’albo d’oro delle manifestazioni belle del Moesano.
Nicoletta Noi-Togni
top

“Dominio d’uno buono si dice Regno e Monarchia; d’uno malo si dice Tirannia; di più buoni si dice Aristocrazia; di più mali Oligarchia; di tutti buoni Polizia; di tutti mali Democrazia.”

TOMMASO CAMPANELLA

 
Sponsors