• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Regionale
lunedì 17 ottobre 2016.
Tra i boschi di Verdabbio alla scoperta dei massi coppellati.
Domenica 16 ottobre 2016

Una passeggiata tra i boschi di uno dei più bei villaggi del Moesano per l’inaugurazione del sentiero dei massi coppellati.


In una splendida giornata di sole, un folto gruppo di appassionati e curiosi ha invaso pacificamente il bosco che sovrasta il bellissimo borgo di Verdabbio alla ricerca dei massi coppellati.
Dire ricerca non è proprio corretto in quanto i massi, accuratamente segnalati e catalogati, sono ben visibili e descritti minuziosamente anche nel nuovo opuscolo appositamente stampato per l’inaugurazione del percorso che porta a tutti i massi conosciuti.

Certo non è la prima volta che il paese si presenta ai visitatori in quanto già da molti anni il suo sindaco, signor Antonio Spadini, coadiuvato dai suoi municipali ha dato al paese un nuovo aspetto valorizzandone tutte le sue caratteristiche (grotti, lavatoi, torchio, muri a secco, cappelle, acciottolati, ripristino degli alpeggi come in Val Cama, ecc.) e rinnovandolo in tutte le infrastrutture senza aggravarne le scarse finanze in quanto è riuscito a racimolare i fondi necessari da donatori privati e pubblici.

Il sindaco sig. Antonio Spadini durante il discorso di benvenuto

Nel 1999 un opuscolo pubblicato su mandato del comune presentava il villaggio in tutti i suoi aspetti e facendone risaltare le potenzialità che puntualmente sono state sviluppate a soddisfazione di tutti. Con l’inizio del nuovo anno, il 2017, Verdabbio farà parte della nuova comunità formatasi dalla fusione con Leggia e Grono e potrà portare in dote un territorio ricco di bellezze naturali e infrastrutture moderne e funzionali. Una bella eredità!

Due momenti conviviali a testimonianza dell’ottima organizzazione:



Giuseppe Russomanno
top

Pensa sempre a quanto è lungo l’inverno.

Marco Porcio Catone (il Censore)

 
Sponsors