• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Varie
venerdì 4 novembre 2016.
L’ACSI sostiene l’iniziativa popolare federale per l’uscita pianificata dal nucleare

L’ACSI – Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana, da sempre impegnata a favore dell’energia pulita, appoggia l’iniziativa popolare “Per l’uscita pianificata dal nucleare” in votazione il 27 novembre.

L’ACSI invita a sostenere un’iniziativa ragionevole e necessaria per tutelare l’ambiente e la nostra sicurezza. Non basta non costruire nuove centrali, bisogna anche fissare una scadenza per quelle esistenti. Il sostegno all’iniziativa è in linea con la storia dell’ACSI, impegnata a sensibilizzare sui problemi dell’energia nucleare fin dagli anni ‘70.

Il parlamento si è detto d’accordo a vietare la costruzione di nuove centrali, ma non a mettere fuori esercizio le centrali esistenti, che rappresentano tuttavia proprio l’effettiva e attuale fonte di pericolo. Per non parlare del problema irrisolto del luogo dove deporre le scorie radioattive e della responsabilità della loro sorveglianza per i prossimi 2-3 secoli! L’iniziativa chiede che le nostre centrali possano avere una durata di vita massima di 45 anni, il che significa che Leibstadt, la più giovane e quindi l’ultima a chiudere, potrebbe restare aperta fino al 2029. Le cinque centrali svizzere sono mediamente le più vecchie al mondo. Beznau I, in esercizio da 47 anni, è in funzione da più tempo di qualsiasi altra centrale a scopo civile. Tutte le 151 centrali nucleari chiuse nel mondo fino a oggi sono state spente molti anni prima di quanto richiede l’iniziativa, raggiungendo in media un’età di 25,6 anni.

I contrari all’iniziativa paventano rischi di penuria d’elettricità e blackout. Tuttavia vi è attualmente un’eccedenza sulla rete elettrica e sia il Politecnico di Zurigo che l’Ufficio federale dell’energia hanno presentato scenari dettagliati che dimostrano la fattibilità dell’uscita dal nucleare. Da notare poi che Beznau I è chiusa da ormai un anno per problemi di sicurezza e la Svizzera continua ciononostante a produrre più corrente di quanta ne utilizzi.

L’ACSI raccomanda di fissare un limite alla durata delle nostre vetuste centrali con il voto del 27 novembre. È tempo di pianificare la sostituzione del nucleare con energie più pulite e sicure.

top

Pensa sempre a quanto è lungo l’inverno.

Marco Porcio Catone (il Censore)

 
Sponsors