• 12037 Una donna alla guida!
  • 12022 Mozzi ... cani!
Lettere dei lettori
sabato 19 novembre 2016.
I bimbi e gli animali domestici.
di Letizia Galli

Quanti di voi hanno un animale e poi magari nel frattempo è arrivato anche un bimbo. Quanti timori sull’atteggiamento dell’animale all’arrivo del bebè. Chissà come la prenderà? Sarà buono? Accetterà una nuova presenza? Caspita avrà magari un po’ di attenzione in meno. Come la prenderà? “Gli animali sono intelligenti” è una risposta valida? No, gli animali sono sensibili, sentono qualsiasi cosa che accade. Ora parliamo di cani e gatti nella vita quotidiana nelle famiglie e di nuovi arrivati come un bebè. Il cane è giocherellone e scodinzola quando è felice. Il gatto è più riservato ma con un grande cuore. Il suo affetto lo dimostra a modo tutto suo. Per far sì che il gatto si fidi di noi ci vuole un po’ di tempo. Bisogna dargli delle attenzioni, ma ama anche la sua indipendenza. Al contrario il cane vuole attenzioni continue. Però fanno tenerezza e per i bambini sono un grande punto di forza e di coraggio. Crescere con un animale non è evidente perché si sa che se hai un bebè in giro non puoi fidarti a lasciarlo da solo, ma se li fai crescere insieme, insegnando a tutti e due a rispettarsi, poi si ameranno come non mai. Sarà un legame indissolubile. Mi è già capitato di sentire la storia del gatto nella culla, accovacciato insieme al bimbo che dormiva, oppure che dormiva nel suo ovetto. Di sicuro si fa notare e vuole tutte le attenzioni anche se ci sono bambini in casa. Stare sul divano e godersi il momento tranquilli con un gatto in giro? Sicuro durerà poco, perché prenderà posto vicino se non addirittura su di voi.

top

“Una piccola insurrezione, di tanto in tanto, è una cosa buona e così necessaria nel mondo politico come i temporali in quello fisico. Previene la degenerazione del governo e alimenta una generale attenzione per la cosa pubblica.”

THOMAS JEFFERSON

 
Sponsors