• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Fuori regione
giovedì 8 dicembre 2016.
Comunicato del Governo dell’8 dicembre 2016

Il Governo ha approvato l’attuazione delle nuove norme per il calcolo dell’aiuto sociale, ha preso posizione in merito al controprogetto all’iniziativa per la bici e ha concesso contributi dal Fondo per lo sport.

Calcolo dell’aiuto sociale disciplinato in modo più preciso
Il Governo ha preso atto della revisione delle norme Concetti e indicazioni per il calcolo dell’aiuto sociale e ha approvato la loro attuazione con effetto al 1° gennaio 2017. La Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali delle opere sociali ha ristrutturato e precisato il contenuto di queste cosiddette norme COSAS in diversi settori.
Le norme adeguate consentono ad esempio di distinguere chiaramente tra l’aiuto sociale regolare e l’aiuto d’urgenza erogato a persone che non hanno il diritto di soggiornare in Svizzera. Viene stabilito che l’aiuto d’urgenza viene versato a persone che non hanno prospettive di rimanere e integrarsi nella società Svizzera.
Le norme COSAS spiegano inoltre che le persone sostenute dall’aiuto sociale devono vivere in appartamenti con un canone d’affitto favorevole. Per questo, se necessario, devono limitarsi anche con riguardo alla situazione di spazio e allo standard di costruzione.
A titolo di novità, anche la compatibilità fra lavoro e famiglia è disciplinata in maniera più chiara. Il rientro delle donne nel mondo del lavoro dopo un parto è da pianificare quanto prima. È auspicabile che la ripresa dell’attività lucrativa, o la partecipazione a misure d’integrazione, avvenga al più tardi quando il bambino ha compiuto il suo primo anno di vita.

Presa di posizione in merito al controprogetto del Consiglio federale all’iniziativa per la bici Il Governo ha preso posizione in merito al controprogetto del Consiglio federale all’iniziativa popolare federale "Per la promozione delle vie ciclabili e dei sentieri e percorsi pedonali (Iniziativa per la bici)". Il Consiglio federale sostiene l’equiparazione della mobilità ciclistica a quella pedonale ed escursionistica a livello di politica dei trasporti, respinge però le richieste dell’iniziativa che vanno oltre semplici completamenti dell’attuale articolo costituzionale. A tale scopo ha posto in discussione un controprogetto diretto. Il Governo grigionese è favorevole a un controprogetto semplice all’iniziativa per la bici e si associa in linea di massima alle spiegazioni della Conferenza svizzera dei direttori delle pubbliche costruzioni, della pianificazione del territorio e dell’ambiente (DCPA) del 29 novembre 2016. Con riguardo alla distinzione tra traffico quotidiano e traffico del tempo libero, il Cantone dei Grigioni ritiene che una tale suddivisione sarebbe sensata in analogia a quanto avviene per i percorsi pedonali e i sentieri escursionistici. Qualora, dando seguito alla proposta della DCPA, a livello costituzionale dovesse essere utilizzato soltanto il termine "reti di vie ciclabili", i Grigioni chiedono che la distinzione tra traffico quotidiano e traffico del tempo libero venga inserita a livello di legge. Per un Cantone turistico come i Grigioni, una tale differenziazione riveste infatti un’importanza da non sottovalutare.

L’Inn sarà rivitalizzato a Bever e La Punt-Chamues-ch
Il Governo ha approvato con alcuni oneri e autorizzazioni il progetto per la rivitalizzazione delle golene dell’Inn a Bever e La Punt-Chamues-ch. Dovranno eventualmente essere ancora concretizzate e approvate le misure necessarie relative alla gestione del materiale di fondo e al consolidamento del letto. Il Governo ha concesso un contributo cantonale pari ad al massimo 1,8 milioni di franchi, fatta salva la garanzia di contributo da parte della Confederazione. Il progetto prevede un ampliamento dell’Inn su un tratto incanalato di circa 1,7 chilometri. A questo scopo è previsto lo spostamento di circa 70 metri dell’argine destro, cosa che offre la possibilità di ampliare il letto del fiume da 20 a un massimo di 90 metri. In tal modo, il corso d’acqua acquisisce dinamica, ciò che favorisce lo sviluppo di diversi habitat golenali di pregio ecologico. Inoltre, l’esistente sistema di acque interne che accompagna il fiume e scorre parallelamente al nuovo argine viene messo in sicurezza in un canale. Queste acque interne regolano le correnti delle acque sotterranee e impediscono in tal modo il deflusso delle acque verso i terreni confinanti utilizzati a scopo agricolo. L’inizio dei lavori è previsto per il 2017, la durata dei lavori è stimata in tre anni.

Contributi dal Fondo per lo sport
Il Governo garantisce contributi forfetari dal Fondo per lo sport ai membri dell’associazione mantello dello sport grigionese. Alle 43 federazioni sportive e organizzazioni viene erogato un importo complessivo pari a un milione di franchi.
Anche il centro di allenamento di sci nordico NLZ di Davos sarà sostenuto grazie a mezzi finanziari messi a disposizione dal Fondo per lo sport. La fondazione Davos Leistungssport riceverà un contributo massimo pari a circa 67 000 franchi per la realizzazione del nuovo centro di sci nordico.
Il Governo sostiene inoltre l’organizzazione Special Olympics Switzerland con un contributo vincolato di 50 000 franchi. Con questi fondi, Special Olympics Switzerland desidera promuovere lo sport per persone con disabilità mentale nel Cantone dei Grigioni e creare un corrispondente centro di coordinamento. Il compito principale consiste nello sviluppo di un’offerta sportiva finora praticamente inesistente per bambini e adolescenti tra gli otto e i vent’anni. Il progetto dovrà essere realizzato in collaborazione con graubündenSPORT.

La strada per Schlans a Trun diventerà più sicura
Il Governo approva il progetto d’esposizione per la correzione della strada per Schlans con alcune autorizzazioni previste da leggi speciali e con oneri. La strada cantonale collega la frazione di Schlans del Comune di Trun. Le condizioni della strada non corrispondono più alle esigenze e ai requisiti di sicurezza odierni. La prevista correzione comprende il rinnovo, l’ampliamento e il rafforzamento della strada nonché l’aumento della sicurezza della circolazione. La strada sarà allargata a 4,2 metri e il ponte Val Sinzera a 7 metri. Saranno inoltre rinnovati lo strato d’usura, i muri di sostegno, nonché il sistema di drenaggio.

top

Pensa sempre a quanto è lungo l’inverno.

Marco Porcio Catone (il Censore)

 
Sponsors