• 10279 Concerto di musica classica a Soazza
    Domenica 30 aprile 2017
  • 9113 My Charm - Moesa d’AUr
  • 8344 Fuori ... posto!
Politica
sabato 14 gennaio 2017.
Andate comunque a votare per il futuro di Roveredo!
di Anna Cattaneo-Corbella

Domani sapremo se la popolazione di Roveredo appoggia o meno l’idea di proseguire le trattative con la Müller. Tiro le somme di questo periodo di riflessione per me molto intenso. La conclusione è questa: se l’unica preoccupazione è quella di richiudere in fretta e furia la ferita, non ci dovremo stupire poi se la cicatrice farà male o sarà brutta. Speriamo poi che nessuno in futuro osi reclamare che nella pancia sono state dimenticate (in piena coscienza) delle pinze che strozzeranno finanziariamente il paese.

Sappiamo che:

Se è un dato di fatto che Il municipio non vuole impegnarsi per promuovere attivamente un progetto di ricucitura che dia un valore aggiunto al nucleo, è altrettanto vero che le risorse finanziarie per farlo ci sarebbero. Alle banche puoi chiedere soldi per fare degli investimenti, non per pagare i debiti. La garanzia che le banche richiedono sarebbe costituita dai terreni e da ciò che costruiremmo. Ma il municipio, per pigrizia o perché senza ambizione, ha scelto la via più breve.

Che il fatto di affidarsi a un colosso immobiliare ci darà nell’immediato due piazze (e definirle piazze è un po’ eufemistico perché non c’è nulla che attiri la gente ad andare in quegli spazi e socializzare) e qualche strada in mezzo alle palazzine. Più 540mila franchi, che per 10mila metri di terreno sono briciole e non risolvono minimamente i nostri problemi finanziari. Ah sì, un parco. Che sforzo.

Che dal colosso immobiliare in futuro non otterremo mai più un franco perché le tasse le pagherà a Zugo.

Che saremo costretti ad adeguare le strutture per la gente che (forse, perché stanno costruendo dappertutto nel bellinzonese e in Mesolcina) verrà ad abitare a Roveredo. Questo sì, ci costerà milioni e non avremo un franco in tasca. Se non arriveranno avremo un nucleo deserto.

Che la politica della Müller di non vendere gli appartamenti e di realizzare alloggi a bassa pigione (con un moltiplicatore al 110 per cento) non lascia ben sperare in un’invasione di contribuenti forti. Dovremo probabilmente accollarci anche le spese per i sussidi a queste famiglie non avendo le risorse finanziarie. Sempre che arrivino altrimenti sarà ancora una volta un deserto.

Che l’autosilo non può essere spacciato per pubblico perché è privato e i proventi non saranno del comune. Le tasse sugli utili andranno sempre e ancora a Zugo (inoltre perdiamo 40mila franchi l’anno dai parcheggi che spariranno in superficie). Il parcheggio inoltre sarebbe inutile o molto meno importante se non si costruissero 100 appartamenti.

Agli amici di San Vittore ricordo soltanto che anche se il sindaco di Roveredo si prodiga a dire che la centrale a legna non c’entra nulla con il testo in votazione consultiva,i due progetti sono indissolubilmente legati. Lo ha detto il sindaco alla radio: "i progetti non sono legati ma le nuove costruzioni saranno obbligate ad allacciarsi". Fate due più due... Avrete un bel da dire (e tossire) quando vi e ci toccherà respirare ancora più polveri sottili... però per contro quando il cantone riuscirà ad allargare la zona industriale, (spingendo con forza come ha fatto a Roveredo con questo splendido progetto) sappiate che di appartamenti di bassa qualità a Rorè ne troverete per i beati.

Concludo: Non ho sentito nessuno dire che il progetto è bello. La verità è che è il meno peggio dei tre progetti presentati da investitori privati. Logico, loro pensano a fare soldi. Io e chi voterà NO pensiamo che si possa fare molto, ma molto meglio! Basta avere il coraggio di credere nelle nostre risorse. Non "nuove". Preziose risorse. La gente che ha voglia di fare bene e costruire un progetto per rendere il nucleo di Roveredo ci sono. A partire da lunedì! Lo spauracchio che se si vota no resterà un buco in mezzo al paese è ormai una barzelletta che non fa più ridere nessuno.

Anna Cattaneo - Corbella

top

Il segreto della salute fisica e mentale non sta nel lamentarsi del passato, né del preoccuparsi del futuro, ma nel vivere il momento presente con saggezza e serietà.
La vita può avere luogo solo nel momento presente. Se lo perdiamo, perdiamo la vita.
L’amore nel passato è solo memoria. Quello nel futuro è fantasia. Solo qui e ora possiamo amare veramente.
Quando ti prendi cura di questo momento, ti prendi cura di tutto il tempo.

Buddha Siddhārtha Gautama

 
Sponsors